Biscotti del Lagaccio con lievito madre. Tradimento!

Capita…capita anche nelle migliori famiglie! 
Ed è successo quando meno me l’aspettavo! 
Dopo anni di amore movimentato (si sa, l’amore non è bello se non è litigarello!), di fedeltà reciproca, di gioie e delusioni, di soddisfazioni e di speranze…l’ho tradito! 
Mai lo avrei creduto possibile e invece questa è la realtà! 
Ma a mia parziale difesa posso affermare di non essere stata io a cercare l’occasione, bensì l’occasione a cercare me. 
E di aver avuto una complice, una dolce e apparentemente innocente biondina che mi ha addirittura portato Gino a casa dicendomi 
se lo coccolerai bene vedrai che ti ripagherà“! 
E io non ho saputo resistere. 
Non ho mai detto di essere una santa e quando il sogno rinchiuso e abbandonato nel fondo di un cassetto si è materializzato davanti ai miei occhi, è stati inevitabile cedere al colpo di fulmine. 
Appena lui, Gino, ha varcato la mia porta di casa, l’ho amato al primo sguardo e non l’ho più lasciato andare via. 
Lo coccolo e lo guardo ammirata, ogni giorno che passa sembra più bello e più arzillo (anche se, un po’ dispettosetto, non ha mancato di farmi prendere qualche piccolo spavento!) e quando sente aria di mani in fermento (perchè se ne accorge, eccome se se ne accorge!) diventa anche più vispo e pimpante. 
Insomma, è una vera gioia vederlo all’opera ed io non ho occhi che per lui! 
Guardate un po’…non è bellissimo?

E la talpa? Vi state chiedendo come ha preso tutto questo la talpa (a proposito…ringrazia, ed io con lui, per gli auguri di pronta guarigione. Sarà lunga con quel braccio bloccato ma almeno l’operazione, nonostante sia stata più complicata del previsto, è andata bene!)? 
Oh benone direi, anzi mi sostiene e mi incoraggia ad andare avanti nella relazione, ha preso Gino in grande simpatia e penso diventeranno ottimi amici. Va a finire che dovrò esserne pure gelosa! 
Come dite? Un triangolo…abbiamo creato un triangolo? 
Maccheavetecapito maliziosi! 
Il triangolo lo considero ma solo per la pasta
Mica è la talpa che ho tradito! E dove la ritrovo poi una così! Anche se si “trita” un braccio giocando a basket (io ho sempre il dubbio che fosse rugby piuttosto)…ma son dettagli!!!!!!!!!! 
Chi è allora che ho tradito e chi è Gino
Ma devo spiegarvi proprio tutto! 
Okkei okkei per stavolta ve lo dico ma la prossima state più attenti!
Ho tradito il cubetto di lievito di birra con Gino, la mia adorabile PASTA MADRE ^_^ 
Dopo i primi esperimenti con pizza e focaccia, era arrivato il momento di mettere in azione Gino con qualcosa di più adatto alla colazione. 
Ma prima di lanciarmi con un lievitato dolce vero e proprio ho preferito procedere per gradi passando da questi fantastici biscotti, sani, leggeri e sgranocchiosi come pochi. 
Il risultato è stato una vera e propria soddisfazione in tutti i sensi. 
Ma Paoletta si sa, è una sicura garanzia di riuscita e Gino ha fatto magnificamente il suo lavoro. 
Volete scoprire come? Ed io ve lo racconto!

 

BISCOTTI DEL LAGACCIO con lievito madre
Tempo di preparazione       45 minuti
Tempo di cottura              1 ora 30 minuti
Tempo passivo                 13 ore
Porzioni                           15 persone

Ingredienti per circa 50 biscotti
225 gr di farina manitoba (non professionale)
• 225 gr di farina 0 per pane (io farina di kamut)
• 120 gr di lievito madre (già rinfrescato un paio di volte e maturo)
• 200 gr di acqua (io 240 gr, la farina di kamut assorbe di più)
• 135 gr di zucchero (per me 120 gr)
• 135 gr di burro (per me 120 gr)
• 8 gr di semi di anice (omessi)
• scorza grattugiata d’arancia
• 1 cucchiaio di miele (25 gr di miele d’arancio)
• 8 gr di sale

Procedimento
1. Setacciare insieme le farine.
Sciogliere bene 50 gr di zucchero in 110 gr di acqua.
2. Sciogliere nella ciotola dell’impastatrice i restanti 70 gr di zucchero in 120 gr di acqua, insieme al lievito madre rinfrescato, maturo e spezzettato.
3. Quando il lievito madre sarà quasi sciolto, inserire il gancio K e aggiungere poca farina, sufficiente ad ottenere un impasto consistente ma ancora molto morbido e, sempre continuando ad impastare, alternare l’acqua con lo zucchero al resto della farina (tenerne da parte 2-3 cucchiai).
4. Quando l’impasto avrà preso consistenza, aggiungere i restanti 10 gr di acqua e subito dopo il sale, seguito dalla farina tenuta da parte.
5. Impastare fino a che l’impasto si presenterà liscio e incordato.
6. Sostituire il gancio K con quello a uncino, aggiungere il miele, inserendolo poco alla volta, poi unire il burro morbido in più riprese, fino ad esaurimento e facendo attenzione a che l’impasto non perda l’incordatura.
7. Ribaltare di tanto in tanto.
8. Infine aggiungere i semini di anice la scorza d’arancia grattugiata e lavorare quel poco che basta a distribuirla.
9. Lasciar lievitare l’impasto per circa 45 minuti coperto con pellicola, formare dei filoncini (io ne ho fatti 4) e porli a lievitare su una placca foderata di carta forno fino al raddoppio (io li ho lasciati nel forno spento con la lampadina accesa per tutta la notte, circa 12 ore).

Infornare a 190°C per circa 30 minuti, fino a che i filoncini risulteranno dorati.

Sfornare e lasciar raffreddare bene, anche fino a 12 ore, quindi tagliare i biscotti in diagonale (a fetta di salame) e rimettere a tostare in forno a 150°C girandoli almeno una volta, fino a che perderanno tutta l’umidità e risulteranno ben asciutti (io li ho lasciati circa un’ora, girandoli 3-4 volte).

Note
* Per la versione con licoli: 160 gr licoli rinfrescato e attivo + 200 gr di acqua lasciando invariato il resto degli ingredienti.  Licoli andrà sciolto in 100 gr di acqua insieme a 80 gr di zucchero.  I restanti 40 gr di zucchero andranno sciolti in 90 gr di acqua ed aggiunti durante l’impasto alternati alla farina.  Gli ultimi 10 gr di acqua serviranno per aggiungere il sale.
* Si conservano a lungo ben chiusi in scatole di latta…sempre se durano!


Un bacio e buona settimana a tutti. Alla prossima…

image_pdf

153 commenti

  1. Eh, eh… tradimento spettacolare pulcina!!! MA QUANTO MI PIACE IL TUO GINO??? Forse forse ci penso anche io al tradimento e… al triangolo! ahahahah! A proposito sorellina, ne ho scoperta un'altra buona oggi leggendo il post… anche qualcuno di mia strettissima conoscenza gioca a basket, per lo meno non si è ancora rotto un braccio!! Non ma dico, si può???
    I tuo legacci sono un incanto! Buona settimana tata! TVB Any

  2. Sono felice che l'operazione sia andata bene!!!
    Ora gli auguri li faccio a te che sicuramente dovrai sostenerlo alla grande, soprattutto in fase di capricci :-))
    La mia pasta madre è femmina….è la mia bambina….e il mio ragazzo non è geloso, anzi, ormai non vuole altro che fatto con lei! Triangoli che funzionano questi! 😛

    Bellissimi questi biscotti, veramente perfetti cara! Un bacione e buona settimana

  3. Un post divertentissimo….ma perchè Gino?
    Deliziosi questi biscotti, io poi adoro l'anice nei biscotti!
    Sono molto contenta che l'operazione sia riuscita perfettamente ora certo rimane la noia della convalescenza !
    un abbraccio a te e uno a Gino!
    Alice

  4. Vedo che scegliamo tutte dei nomi simpatici. (il mio "Pippo")..!bene per l'operazione.. tutto è bene quel che finisce bene, no? Quant'è bello il nostro esserino che cresce e apprezza tutte le nostre amorevoli cure?!? questi biscottini ne sono la prova! baci

  5. Sinceramente non sò se avrei saputo resistere al fascino di GINO neppure io, quindi ti capisco alla grande… come grandissimi sono questi biscottini deliziosi.

    un abbraccio a te e ancora tanti auguroni al "braccio" della tua talpa 🙂

  6. Ahaahahahah è un bel triangolo amoroso.. lei.. lui.. e Gino!!! ahahaha ma che brava.. ti sei data subito da fare vedo.. Io non lo potrei mai amare.. morirebbe tra le mie mani!!! baci e buon lunedì .-)

  7. Tesoraaaaaaaaaaaa

    A te queste licenze poetiche nelle ricette…sono consentite!

    Io anche se mi faccio un copia ed incolla sempre al negozio devo andare! ;o(

    Uhhhhhhhhhhh…non sapevo della talpa…povero caro…devi fargli taaaaaaaanti, taaaaaanti auguri da parte mia…e c'è qui l'avvocato che visto che la talpa si è infortunata…chiede se può "intanto" sostituirlo!

    Non so più cosa fare con lui…non me lo schoido più di dosso.

    Però questa ricetta…ahhhhhhh…avere le tue manine!!!

    Baciottttttttto e…AUGIRISSSSSSSSSSSIMI per il tuo "prince"! Smuack. NI ;o)

  8. Per natura sono molto fedele, ma voglio anch'io Gino! E' bellissimo, ha sicuramente più fascino del cubetto di lievito, eppoi, se non bastasse, guarda che delizie sforna!
    Beh, adesso non esageriamo, no, non nel senso che non sono delizie, perché delizie sono, ma perché le sforni tu. Mica possiamo dare a Gino tutto il merito?
    Tesoro, tanti auguri di buona guarigione a tuo marito e un bacione grandissimo a te!

  9. inizialmente ho pensato ad un cane o gatto hahahahahha poi ho visto Gino uuuuuaaaaaaaaa che nome!!!! io il mio bambinello l'ho trasformato in licoli ma ho il terrore ad utilizzarlo uffffff! poi adesso senza planetaria me lo sogno di utlizzarlo!!! biscotti molto deliziosi cara 🙂

  10. Femmina spudorata sei!!!! ed hai fatto bene per una volta ignoro le mie origine siciliane e concordo col tradimento…:-))) baci e son contenta che la talpa si sta riprendendo…consiglio di cambiare sport..:-)) baci

  11. I biscotti del legaccio sono buonissimi e ti sono venuti magnificamente…ma…lo voglio anch'io Gino!!!! Ormai sono una rarità fra le blogger, sono una delle poche che ancora non ha la pasta madre. E dire che ci ho provato ben due volte… ma niente da fare, mi è morta ancora prima di nascere, poveretta! Bacioni cara

  12. anche io come Donatella non ho la pasta madre….vado a nascondermi dietro alla lavagna!A te viene sempre tutto una meraviglia, sei unica Federica! un bacione e buona settimana…

  13. favoloso il tuo Ginio, anch'io tradirei il lievito di birra con un tipo come lui 😉
    Ci si affeziona proprio!!!
    Purtroppo in passato ho anch'io avuto una cara amica, ma la mia pasta madre non ha superato la prova congelatore e per ora non me la sento di ricominciare 😉
    un bacione, questi biscotti sono favolosi, un abbraccio

  14. Ohhh ma mi sono spaventataaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!! Pensavo che dopo la caduta tu avessi tradito il povero ammalato!!!! Mamma mia!!! Il tuo Gino è molto simile al mio, io ne ho due in frigorifero che alterno 🙂
    A vedere questi biscotti mi vengono in mente i legacci che mangiavo sempre inzuppati nel te 🙂 Ti rubo la ricetta 🙂 Baciii

    • Mi rispondo da solaaaaaa! Rinco due volte non ho visto che hai scritto Biscotti Lagaccio 🙂 comunque il mio commento è la conferma che sono proprio loro ahahahaha baciiii

  15. Complimenti cara Federica…Ottimi biscotti davvero e credimi per il tuo Gino tradirei volentieri anch'io…Troppo divertente il post…Troppo simpatica ragazza!!!!!Un bacione e spero che l'operazione sia andata bene …insomma che sia tutto a posto!!!!
    Ti abbraccio e buona settimana!!!!!!!!

  16. Questi biscotti hanno la consistenza delle fette biscottate. Devono essere davvero squisiti.
    Ma com'è che vi state tutte innamorando della vostra PM? Mi sa che c'è qualcosa di contagioso nell'aria… 🙂

  17. ciao fede!! il mio non l'ho ancora battezzato ma intanto l'ho convertito! in liquido, ovviamente!! proverò questa tua ricettina che mi sfizia assai!! buona settimana :)))))

  18. Visto il nome…più che una pasta madre…una pasta padre! ahahahahahah!
    (Anche io avevo pensato ad un gatto)
    Con le paste madri o padri che siano ho smesso di cimentarmi da tempo perché ogni volta mi tocca organizzargli il funerale! :))))))
    I tuoi biscotti del lagaccio sono perfetti, sei inarrivabile!

  19. ah ma allora ci sei cascata anche tu…..una delle poche fedeli sono rimasta io…..dovrò darmi da fare al più presto.
    Sai cosa ti dico???? Hai fatto proprio bene se sei passata in meglio.
    un bacione
    sabina

  20. Io ho iniziato da poco la relazione… ancora dobbiamo imparare a conoscerci bene… ^__^
    Il tuo però sembra proprio un colpo di fulmine!!!!!!!!
    Spettacolari!!!!!!
    Franci

  21. Voglio anch'io Gino,si è primavera e desidero dei cambiamenti!!E sai una cosa,penso che anche il mio "luciano"approverebbe,sarebbe lui stesso a godere dei nuovi benefici!!Intanto mi godo il lavoro del tuo piccino,mi sembra che se la sia cavata alla grande!!Ottimi questi biscotti e quel sentore di anice con la Pasqua che arriva,li rende irresistibili!!Un baciuzzo cara e bellissima settimana anche a te!!
    p.s son contenta di sapere la "talpa"sia in via di guarigione!!…ma che brutto continuare a chiamarlo"talpa",prima o poi dovrai svelarci il suo nome no???

  22. Senti, io non so come dirtelo, ma Gino va un po' con tutte…l'ho visto anche in altri blog…nel mio no, eh??…Mi dispiace tanto.
    Cerca di non affezionarti troppo, okkei??
    Un saluto all'infortunato! Un abbraccio, buona setti.

  23. Provo grande ammirazione per chi ha la pazienza di utilizzare il lievito madre, con me Gino diventava acqua a tempo record (che vergogna!!!)Ma lo ammiro, lo adoro e…ammiro e adoro te :-DDD Dai, fateci sognare tu e Ginooooooooooooo, aspetto altri capolavori come questo!!!!!Un bacione!!!

  24. eh no, adesso basta….mi stampo la ricetta e li faccio…. li adoro, li vedo in un sacco di blog, ho anche il lievito madre…mi manca solo di decidermi!
    Ti sono venuti magnificamente!
    Buona settimana anche a te!
    Paola

  25. Come mai riesco sempre a leggere i tuoi lunghissimi post in un nano-secondo? Perchè me li leggo tutti di un fiato ed ogni volta rido da sola…Prima o poi qualcuno mi prenderà per matta!! Intanto mi gusto questi meravigliosi biscottoni e ammiro il tuo amichetto che lo vedo davvero in forma!! Un bacione cara e buona settimana…

  26. Mi hai fatto morire dal ridere……direi che potrei tradire anch'io…..ti mando un bacio grosso e rubo due di questi biscotti che io adoro…..

  27. Gino!!
    Hai capito Fede!?!?! ^__^
    Il mio per il momento fa il monello!! Ma ci riuscirò!!!!
    Buonissimi i biscotti Legaccio!! Prendo la ricetta!!!!
    Per la cronaca ;).. l'ho trovatoooooo questa mattina!!!!!
    Un bacione grandissimo e felice settimana!!!

  28. Devo dire che all'inizio mi sono spaventata con questa storia del tradimento:-) ma gino è gino quindi con lui tutte vorremmo tradire!!io sono ancora in alto mare con il LM ma conto prima o poi di cimentarmi e tu come sempre hai realizzato delle meraviglie anche grazie al nostro gino!!Un bacione a te e alla talpa non sapevo del suo incidente mi dispiace molto tesò, ma il peggio è passato per fortuna!!TVBBBBBBBBBBBB,Imma

  29. Sono perfetti Fede, quella ricetta l'ho salvata anche io, ma sta nel dimenticatoio, mi devo dare una mossa perché mi sanno tanto di buono… bravo Gino! Lo vedo molto arzillo… farà grandi cose! Buona giornata 😉

  30. ahahahah 🙂 questo post è davvero divertente…eh si Gino è davvero magico hihiih…poi a vedere la tua ricettina direi che funziona più che bene 🙂 gnam gnam…beato chi li mangia 😛

  31. ma sai che anche io avevo provato a fare la pasta madre? sarà che non ho pazienza, ma mi ha sempre abbandonata :((
    vabbè… devono essere davvero ottimi i biscottini sgranocchiosi e poi…. quanto mi piace quel secchielloooooo
    baci e buona settimana.

  32. sai che il mio ginetto…invece sta soffrendo un pò? Sto continuando a forza di rinfreschi ravvicinati, a cercar di tirarlo un pò su, ma…boh!
    Speriam bene…………
    I lagaccio li adoro, letteralmente!!!!11111111

  33. Credimi, è come un'anima gemella, un amore che dura tutta la vita…nessun altro ti darà tante soddisfazioni…è un'alchimia! io mi sto cimentando con qualcosa di complicato: ho in lavorazione le colombe, tengo le dita incrociate e, se va tutto bene, passo la ricetta 🙂
    i biscotti…pensavo fossero quelli di Grondona 😉
    baci
    Valentina

  34. Ciaoooo auguri per il braccio della talpa!e Gino?…sono dolente,non ho ancora provato a fare la pasta madre…ne dicono tante belle cose,come te!
    che dire…prima o poi…xoxo L.

  35. Immagino il lettore occasionale che NON TI CONOSCE cosa avrà potuto pensare leggendo la parte iniziale di questo tuo post: "Hai capito te! Traditrice e orgogliosa di esserlo" 😀 Io invece non ci sono cascata e ho capito subito dove saresti andata a parare 😉 Sai cosa ti dico? Per un "Gino" così il cubetto di birra l'avrei tradito pure io! 😀 Buoni i biscotti del Lagaccio, prima o poi li farò anch'io! Senza Gino, purtroppo… ma chissà! Magari incontro un bel "Pinuccio" 😀

  36. Mi hai fatto ridere un sacco!!!

    E poi quei biscotti li adoro, fanno parte della mia infanzia era uno dei pochi consentiti dalla mia pediatra….pensa te!

    Ps. Ho bisogno di un favore, mi potresti dire la dimensione dello stampo per la schiacciata del quanti modi di fare e rifare? Grazie mille cara!!

  37. Secondo me ti sei inventata tutta sta storia, i tradimenti, il marito accondiscendente ecc ecc… ma in realtà hai comprato sti biscotti. Naturalmente è un megacomplimento perché sono perfetti!!!

  38. Ahahahaha!!!non riuscivo a smettere di ridere quando ho letto 'Gino': è il soprannome che do al mio ragazzo! se vuoi ti presto anche lui per un po' 😉 buonissimi i biscotti del lagaccio, qua vicino al mio paese c'è la pasticceria Giordano che inonda tutta la via con il loro profumo, tipico. a presto!

  39. C'è un Gino tra di voi 😉
    Felice che la Talpa si stia riprendendo e le coccole non mancano… naturalmente ben distribuite fra lui e Gino, vero Fede?!

  40. Come ti capisco … Lo so ti porta al tradimento ma e' speciale , unico! E quante cose puoi farci ! Tu sei bravissima:-) e ora sono io che ti chiedo una cosa : ma tu quante volte lo rinfreschi ? Le tue quantità tra farina e acqua? Lo tieni in frigo? Meno male che doveva essere una domanda:-p
    Grazie

  41. Lo rinfresco 2 volte a settimana e tra un rinfresco e l'altro, dopo averlo fatto lievitare circa 4 ore, lo metto in frigo. L'idratazione è al 50% (un po' più sodo del tuo quindi); ho cominciato con 1 parte LM – 1 parte di farina – metà qt di acqua ma negli ultimi giorni ho avuto l'impressione che stia meglio con 1 parte LM – 1 parte di acqua – 2 parti di farina ^_^

  42. Anche tu Fede hai perso la testa per sto benedetto lievito madre, mi sa che sono una tra le poche ad essere timorosa a farlo e coccolarlo!!!Certo che vedendo quello che ne viene fuori la voglia e' davvero tanto di provarlo quei biscotti sono favolosi!!!Un bacione!!!

  43. Ho provato a tradirlo anch'io ma il sostituto è morto prima di darmi soddisfazione! E sì, poverino, mi è capitato nel periodo sbagliato, ha ricevuto poche coccole ed è finito nella pattumiera, avrò il coraggio di riprovare? Quando vedo tutto quello che potrei fare con "lui" , come questi biscotti, mi torna la voglia.
    Un abbraccione!

  44. adoro quei biscotti, mi piacciono un sacco!
    ti sono venuti benissimo… se ne avanza qualcuno sai chi chiamare!!!
    Gino è davvero carino, aspetto di vedere altre prelibatezze…
    un bacio

  45. il mio Gino ha perso le sue coccole ed è bello che defunto da un bel pezzo 😀 questi biscotti sono come dei tozzetti di pane, davvero ottimi! e poi la pm è tutta un'altra cosa! baci cara domani ricettina per te 😀 ciaooo

  46. Anche io vorrei tanto, tanto una Talpa e pure un Gino! Li tradirei solo tra loro 🙂
    Mi mancavi. Adesso sono tornata più carica di prima!
    Buona settimana blogger perfetta!

  47. Embè…quanno ce vo ce vo! Con buona pace della talpa e anzi anche il suo incoraggiamento perchè se poi i risultati sono questi, ne avrà di che bearsi pure lui! A proposito di ciò mi unisco anche io agli auguri di prontissima guarigione anche se in ritardo per il fatto di essermi persa il psot precedente (che ho però prontamente recuperato!).
    Sono felice che l'operazione sia andata bene e ora si tratta solo di aver molta pazienza in attesa di poter togliere il gesso.
    Questi biscotti del legaccio mi piacciono da morire, soprattutto considerando che tuffati nel caffè sarebbero proprio un ottimo inizio di giornata!
    tanti bacioni cara fede!

  48. I post, come li scrivi tu, nessun'altro 🙂
    Non sono abbastanza brava per occuparmi di un terzo bimbo in casa … ma sono bravissima a mangiare biscotti !!!!
    Un bacione

  49. Io non sono proprio adatta ad occuparmi del mio prossimo, a meno che non abbia 4 zampe e una coda, ma devo dire che Gino ha proprio un bell'aspetto!

  50. Li hai fattiiiii, li hai fatti. I Lagaccio sono meravigliosi ed io li adoro ma non li faccio proprio perché non ho il Gino (che per altro è il nome di mio padre), e sono certa che con la mia inettitudine lo fare morire di un colpo dopo un paio di giorni. Però tu sei costate e tenerona e adesso c'hai anche il complice che lo coccola quindi sono certa che avrà lunga vita e di darà soddisfazioni così grandi che non finiremo più di vedere meravigliosi lievitati a casina tua. Che splendore….ma un paio per la colazione di domani non me li puoi portare? Un abbraccio piccoletta! Pat

  51. Inizialemente ho pensato ad un gattino , poi leggendo tutto il post ho compreso. il risultato è strepitose, favolosi questi biscottini.
    Un a pronta guarigione al tuo lui e tanti complimenti a te. Un abbraccio Daniela.

  52. Federica, sei davvero forte! mi sono dovuta leggere tutto il post perchè davvero non avevo capito chi o cosa fosse questo Gino :-))
    Bhè, mi sembra che il tradimento sia valsa la pena, no?

  53. Ma sai che Gino ha un aspetto favoloso? io pensavo che la pasta madre fosse un essere blobboso, non cosi' bello consistente.
    Questi biscotti sembrano deliziosi…assomigliano agli scoccadenti. Ma sono diversi come sapore e consistenza?

    • Sister credo dipenad tutto da quanto la tieni idratata. Io ho il panetto al 50% di idratazione ma se aumenta la percentuale diventa "blobbosa" come la immaginavi tu. Sinceramente non ti saprei dire se assomigliano o no agli scroccadenti perchè non li ho mai assaggiati. Di sicuro sono scroccosi però ^_^

  54. …navigavo in rete cercando di "tradimenti", ed ecco che piombo qui, leggendo l'articolo fino alla fine 🙂 Complimenti, hai catturato la mia attenzione con poche righe, simpatiche e ben scritte! 😉
    Casper

  55. fantastici questi biscottini!! 🙂 direi che il "tradimento" ha dato i suoi frutti! 😀 complimenti a te ed anche a Gino! 😀 😀 un bacio, a presto Fede! 🙂

  56. Ebbravo a Gino!!! mi ahi convinto a tradire anche a me…mi piace questo tradimento. favolosi i biscotti…ne sento il profumo credimi, erano i miei preferiti o sarà anche perchè adoro l'anice, una buona giornata, ciao.

  57. Ero convinta di aver commentato questo post!!
    Ho la ricetta di questi biscotti da tanto tempo e non so perchè ne rimando la preparazione. Ora,vedendo i tuoi,devo decidermi a farli.
    Bravissima come sempre.
    Per i finocchi posso dirti di non averli mai provati in forno ma si possono sicuramente fare (naturalmente senza farli seccare troppo a forno alto….ma che ti dico!!!!Sto parlando con una gran cuoca!!!!).
    Bacioni.

  58. Mamma mia Fede, mi ero persa questo post…presa dal coniglietto orfano…e mi ero persa questi biscotti che io adoro!!! hai fatto bene a iniziare questa nuova "relazione" hihi!! Un bacio, scappo dal coniglio!!

  59. questa storia di gino mi fa ammazzare dalle risate… l'ho già sentito chiamare così, è un caso o è davvero il suo nome di battesimo?
    è il mio sogno, ma non credo riuscirei a farlo e men che meno a farlo sopravvivere..
    mi piace da matti, come tutto quello che fai!
    grazie di passare da me, io ne sono orgogliosa,e ti ringrazio perchè mi hai aiutato ad arrivare a 40.000, che per te sarà niente ma per me è pazzesco. chi se l'aspettava??
    un bacio, e grazie per aver accettato la mia ricetta con i semi di lino, che non servono solo a sciogliere il catarro…

  60. Sono proprio contenta, anzi direi orgogliosa di averti spinto nelle braccia di Gino!
    E te credo che la talpa incoraggia questo "tradimento".. (a proposito spero che la guarigione stia proseguendo bene!)

    Questi biscotti sono favolosi, ma te l'avevo già detto dal vivo al primo assaggio! Ora però me ne hai fatto venire una voglia… mannaggia a te! ;p

    salutami Gino!!!!

  61. Ciao! ti è rimasto ancora qualche biscottino per noi?? Semplici e quelli che ci vogliono per l'inzuppo!
    Eh..noi con il lievito madre abbiamo chiuso da un pò..proprio non riusciamo a farlo sopravvivere 🙁
    Un bacione

  62. E te lo credo che hai tradito…
    Anche io adesso vivo questo "triangolo" e che triangolo!!!!
    Fantastici questi biscottini semplici e unici!
    Auguri ancora alla tua talpa sono sicura che lo stai coccolando a dovere ;-))

    :-**

  63. io con il mio lili ci parlo tutte le sere… il nostro e' un amore incompreso!!! ^_^ fede questa e` la dimostrazione che la passione per la cucina non ha limiti!!! complimenti per la ricettina.
    baci
    terry

  64. Ma che forte …hai dato il nome anche alla pasta madre… Pure maschile!!! Unica!!! Chissà che anche io un giorno non adotti un cugino di gino!!!;) Favolosi sti biscotti

  65. da qualche settimana ho anche io il lm in casa..ma non possoi dargli un nome..è troppo brutto da vedere..però funziona e mi dà le sue soddisfazioni..sto ancora sperimentando ..infatti non ho ancora postato niente con lui..piano piano..però è proprio brutto..il tuo fa figura..queste fette di lagaccio son davvero perfette..complimenti davvero..

  66. Con imperdonabile rotardo…GRAZIEEEEEEEEEEEEEE 🙂 E anche Gino ringrazie per gli apprezzamenti. Sta continuando a fare un ottimo lavoro ed io credo proprio di esserne diventata dipendente a tutti gli effetti! Un bacione ragassuoli, felice we

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.