Quanti modi di fare e rifare: ravioli di pere con speck e aceto balsamico.

Un nuovo “6”
Un altro mese.
Un nuovo appuntamento con la cucina aperta di “Quanti modi di fare e rifare…” 

stavolta ospiti a casa di Elena per gustare i suoi fantastici Ravioli di pere con speck e aceto balsamico .
A dire la verità credevo proprio che a questo giro avrei passato la mano. Ma non perché la ricetta non mi piacesse, tutt’altro. E’ una di quelle che (come si dice) “m’attizza” e pure parecchio. E col senno di poi posso affermare che il fiuto ancora una volta me l’ha detta giusta.
Semmai pensavo che non avrei trovato il tempo per una preparazione lunga come quella della pasta ripiena e soprattutto, chi l’aveva mai fatto un raviolo prima
Con la mia solita fiducia e autostima alle stelle già vedevo la cucina invasa da ritagli di pasta appiccicati, ravioli sghembi, mezzi aperti e mezzi chiusi, ripieno sparso sulla spianatoia come sparato da una mitragliatrice e io…furiosa come un toro davanti a un drappo rosso, coi capelli irti sulla testa! 
E invece, con grande sorpresa, niente di tutto ciò!
Complice un lunedì di Pasquetta passato in casa, sfornata da poco la schiacciata della nonna, non ho lasciato freddare troppo quel reminder all’appuntamento di maggio e mi sono ritrovata con le mani in pasta. 
Non solo ho impiegato meno tempo di quanto mi aspettassi senza il campo di battaglia che mi ero pre-figurata, ma arrivata a chiudere l’ultimo raviolo ho pensato “come, già finito? proprio adesso che mi stavo divertendo!” 
Eh sì, perchè mi sono davvero divertita, divertita e rilassata in cucina, senza orologi sotto mano, mille cose da gestire tutte insieme, tempi da rispettare e la sensazione di acqua alla gola. Solo una piacevolissima mattinata da impiegare nel mio hobby preferito…nient’altro ^_^
E a parte la talpa che a pranzo, dopo averne spazzolati via 12 (!!!), ha avuto il coraggio di esordire con un se ce ne fosse stato qualche altro…” (NO COMMENT!), la soddisfazione più grande è stata un paio di settimane fa quando ho azzardato a cuocerne un assaggio (una parte li avevo congelati) per i miei. 
Su mia mamma avevo qualche dubbio, ma su mio papà la vedevo davvero dura, se non impossibile. Epperò ci ho voluto provare lo stesso (omettendo per loro la glassa di aceto), un paio a testa, con la promessa che se non fossero piaciuti me lo avrebbero detto senza problemi.
Mio papà – “che c’è dentro?”
Io – “ricotta e…gorgonzola! Sì sì ricotta e gorgonzola”…Signore ti prego fa che non si accorga dei pezzetti di pera!
Mio papà – “mhhh, buono. Ma questi pezzetti che sono?”
Eccola là! AIUTOOOOOOOOOOOO!
Io – “ehm…pera!”
Mio papà – “mhhh, gustosi però. Sono proprio buoni. Mannaggia ci sono rimasto con la voglia. Prossima volta che vengo me li rifai?”
o_O!!!!!!!!
Elena hai compiuto un miracolo!
E così si spiega anche la pioggia ininterrotta che ci ha accompagnato per tutto il sabato!
Epperò son soddisfazioni ^_^
Per la versione originale vi rimando direttamente al post di Elena.
Di seguito (per non creare confusione nella lista degli ingredienti) vi riporto la mia con lo zampino…piccolo però!

Ravioli di pere con speck e aceto balsamico
Tempo di preparazione       2 ore
Tempo di cottura               35 minuti
Tempo passivo                  1 ora
Porzioni                           4 persone

Ingredienti per 4 persone
per la pasta
100 gr di semola rimacinata di grano duro
100 gr di farina di kamut
2 uova
sale
per il ripieno
2 pere William mature ma sode di media grandezza
150 gr di ricotta vaccina ben sgocciolata
75 gr di gorgonzola dolce
30 gr di parmigiano grattugiato
1 tuorlo
maggiorana
1 monoporzione di burro di cacao Venchi (o una noce di burro)
sale
bacche di pepe rosa
per il condimento
100 gr di speck a fettine sottili
2 monoporzioni di burro di cacao Venchi (o un cucchiaio di olio)
30 gr di burro
maggiorana
glassa di aceto balsamico
Parmigiano grattugiato (a piacere)

Procedimento
1. Preparare la sfoglia. Setacciare insieme le farine con un pizzico di sale, fare la fontana, sgusciare nel mezzo le uova ed iniziare a mescolare con una forchetta, cercando di incorporare la farina gradualmente.
2. Quando l’impasto assume consistenza, lavorare con le mani fino ad avere un panetto liscio, compatto ma elastico.
3. Coprire con pellicola e lasciar riposare per circa un’ora in frigo.
4. Preparare nel frattempo il ripieno. Sbucciare le pere, eliminare il torsolo, tagliarle a piccoli cubetti e farle ammorbidire per qualche minuto in una padella in cui si sarà scaldato il burro (di cacao) con della maggiorana tritata fine e qualche bacca pestata di pepe rosa.
5. Aggiungere, se necessario, un goccio di acqua.
6. In una ciotola lavorare a crema la ricotta con il gorgonzola, unire il tuorlo, il parmigiano grattugiato, mescolare bene ed infine incorporare anche i cubetti di pera regolando di sale.
7. Trascorso il riposo, dividere la pasta in 6-8 pezzi e stenderne uno per volta in una sfoglia sottile, mantenendo gli altri avvolti nella pellicola per evitare che asciughino.
8. Con l’aiuto di due cucchiaini distribuire sulla sfoglia porzioni di ripieno delle dimensioni di una noce (mantenendo la giusta distanza per la formatura del raviolo), ripiegare la sfoglia su se stessa, cercare di far uscire bene l’aria attorno al ripieno e sigillare i bordi facendo pressione con le dita.
9. Ritagliare i ravioli nella forma preferita con la rotella dentellata o con uno stampino e trasferirli man mano ben distanziati su un vassoio infarinato.
10. Per il condimento, scaldare in una padella antiaderente il burro di cacao (o l’olio) e farvi rosolare velocemente lo speck tagliato a listerelle.
11. A parte, in un’altra padella, profumare il burro con della maggiorana tritata finissima e delle bacche pestate di pepe rosa.
12. Lessare i ravioli in abbondante acqua bollente salata per pochi minuti, scolarli delicatamente e condirli con il burro profumato e le listerelle di speck.
13. A piacere spolverare di parmigiano grattugiato (io non l’ho fatto), decorare con la glassa di aceto balsamico servire subito.

Note
* La farina di kamut assorbe più della farina 0; se l’impasto dovesse risultare troppo asciutto, aggiungere appena un goccio di acqua;
* Con queste dosi ho confezionato 32 ravioli grandicelli e dal ripieno abbondante. Una parte li ho disposti allargati su un vassoio abbondantemente infarinato, spolverati di semola e congelati. Al momento della cottura sarà sufficiente tirarli fuori dal freezer un paio di minuti prima e tuffarli in acqua bollente, lasciandoli cuocere per circa 8-10 minuti.

Le cucine aperte di “Quanti modi di fare e rifare…” vi danno appuntamento il 6 Giugno a casa di Vale – In cucina senza glutine per sfornare insieme le Puccette pugliesi
Un abraccio a tutti e buona domenica ^_^

image_pdf

160 commenti

  1. Ma certo che sarebbe piaciuti anche al tuo papi!
    Solo a leggere gli ingredienti, si sente gia in bocca la raffinatezza della loro combinazione!
    Anche io ho scoperto che i ravioli assumono un tocco speciale quando ci inseriamo qualcosa di "dolce": un giorno sfornerò la ricetta speciale di mia suocera sui ravioli "bergamaschi " 😉
    Conplimenti a te, che riesci sempre a conquistare tutti con le tue "sfide" in cucina: noi fans conosciamo bene le tue qualità, ma vuoi mettere le soddisfazioni degli elogi delle persone che piu ami e stimi?
    Brava Fede, come sempre e… Bellissima l'immagine in bianco e nero con il raviolo a colori in Primo piano ^_^

  2. Trovare il consenso da parte di persone che immaginiamo diffidenti è la più grande soddisfazione, soprattutto quando è la prima volta che ci si avventura in un'esperienza che mai si è osato fare prima!
    Complimenti Federica

  3. si decisamente quando anche i piu'reticenti ai mix e ai cambiamenti li apprezzano ti senti come su una nuvoletta!capisco bene la tua soddisfazione e ti dico che averne voglia a quest'ora…..ti fa capire quanto mi piacciano!

  4. La sfida con il palato di papà e' sempre molto dura!!! Hai vinto e ti ha pure chiesto la replica!!! Meglio di così!!!!!
    Ieri un forte temporale ci ha costretto a casa e anch'io ho avuto la tua stessa idea!! Ravioli, molto più semplici dei tuoi, ma pur sempre ravioli. Li rifarò presto, magari con questo gustoso ripieno.
    Ti auguro una felicissima e spero soleggiata domenica!!!!!
    Tanti baci e uno stretto abbraccio!!!!!!!!!!

  5. Che fame di prima mattina, non ci puoi fare questo… sono d'accordo con il tuo papà, sono da fare e rifare… invitantissimi! Buona domenica 😉

  6. una meraviglia globale! non riuscirò mai a capire come si va a colorare solo un raviolo e gli altri lasciarli in bianco e nero…misteri delle fotografia…buona domenica tesoro, un abbraccio forte!

  7. io farei follie per avere quel piattino di ravioli a pranzo!!!!
    Tutti sapori che si sposano bene assieme.
    Siamo noi che a volte pensiamo che a quelli più grandicelli non piacciano certi accostamenti moderni, ma in realtà "al contadino non far sapere quanto è buono il formaggio con le pere" non è un detto della nostra generzione.
    ieri sera mi sono guardata i tuoi biscotti e ho scoperto che hai veramente una vastissima scelta. Appena mi torna la voglia di biscotti proverò una tua ricetta, sono uno meglio dell'altro.
    bacioni
    sabina

    • Mio papà è davvero un "osso duro", tradizionalista come pochi e a volte non vado sul sicuro neanche con ciò che so piacergli. I capperi…sempre mangiati…l'ultima volta che ho azzardato ad usarli li ha scansati tutti nel piatto! Quando l'ho sentito dire che ci era rimasto con la voglia ho pensato di avere le allucinazioni uditive :)) Sarò curiosa di vedere quali biscotti sceglierai ^_^ baci

  8. Bravissima! Non potevi sbagliare nemmeno questi! … Confida sempre in te che sei grande 😉 devon esser di un buono!!! Brava anche ad Elena perla super ricetta!!,

  9. BELLISSIMI e molto molto appetitosi, Fede 🙂 quei ravioli di Elena hanno ispirato anche me a fare una mia variante con la zucca, che è stato uno dei post più visualizzati in periodo di zucche..
    E con la pera bisogna che li provi, è un ingrediente che alcuni mettono perfino nei nostri casoncelli
    Un bacione, buona domenica!

  10. che piove a me ..butta di dormire 🙁
    avrò mai e sottolineo mai la tua verve in cucina: il tuo papà l'hai conquistato, ma non avevo dubbi 🙂
    un bacione e buona domenica briciola :*

  11. ciao Federica buona domenica
    non belli di più…non buoni speciali…con l'aggiunta del gongorzola poi sono da copiare….. e poi ci fidiamo del giudizio del tuo papà!!!
    Sei sempre BRAVA….SSIMA
    un bacio le 4 apine

  12. eee ma qui si va sull'extraluxe, le pere saltate, il gorgonzola, le bacche di pepe rosa, il BURRO DI CACAO!!
    stupendi pulcinotta, direi che se questa è la prima volta hai una carriera assicurata!!

  13. e fortuna che pensavi di non farcela!!! se stata super, io lo stesso esperimento l'ho fatto con il mio ragazzo (crepe formaggi e pere) ed è andata bene, lui prima di incontrarmi era molto tradizionalista e ogni tanto anche io ometto qualche ingrediente ;-))) comunque l'aspetto del piatto è bellissimo!!!

    • Per fortuna la mia cavia va a nozze con le sperimentazioni, se gli proponessi gli scarafaggi arrosto avrebbe il coraggio di assaggiare anche quelli :)) Cos' mi rifaccio dalle limitazione di famiglia 😉

  14. Ricetta molto interessante, che rifilerei anche io a tutti gli ignari commensali sicura di avere successo, come è accaduto a te!

    Ti auguro una buona domenica

    loredana

  15. Ho fatto ravioli con pere e ricotta un paio di anni fa, e mi ricordo ancora che gusto raffinato e buono. Assolutamente da servire con una glassa di aceto balsamico. Ottima presentazione

  16. Grande il papy! 😀
    Anche io mi diverto molto a fare i ravioli però ultimamente li faccio sempre un po' di corsa e con mille interruzioni.
    Ricetta veramente stuzzicante! Ti sono venuti benissimo! 🙂
    Buona domenica!

  17. Quante soddisfazioni può regalare il buon cibo,soprattutto quando ti sorprende e ti gratifica!Gratificata lo sei stata dalla talpa e dal tuo papà,che hai lasciato però quasi a bocca asciutta…dai Cali la prossima volta preparane un bel pò!!E poi quella peretta col formaggio quanto ci sta bene??Bravissima bel pulcino,sei sempre tu una gran sorpresa!!

  18. Insoliti e buonissimi! Brava Fede che hai seguito il tuo fiuto e ti sei cimentata, la prox volta mi sa che dovrai darti ai multipli di 32, dato il gradimento della talpa e del tuo papà!!!Bacioni!

  19. Prova papà superata alla grande direi! e visto che ti è piaciuto prepararli potrai rifarglieli quanto prima 🙂
    Trovo molto intrigante l'uso del burro di cacao… me lo ricorderò!
    Un bacio

  20. Mamma mia che super super super bontà!!!! ripieno oserei dire paradisiaco, pere, gorgonzola e ricotta e l'aceto balsamico sopra tesoro mio uno splendido modo di fare e rifare :-)))
    Baci

  21. Uhmm…ok, ora è tutto chiaro..il perchè provavo un inspiegabile affetto per te, il perchè fossi attratta dal tuo blog, il perchè ti trovo straordinariamente brava e simpatica….SEI MIA SORELLA!!!!o meglio…abbiamo lo stesso padre!!!Eh sì….perchè se solo osi proporre un miscuglio dolce/salato..può risusciatare anche Il pellegrino Artusi ma…nix, niet, niente!!!!!Oh beh..se ha funzionato con tuo padre…non resta che sperare nel mio!Incrocia le dita per me:-DDDDDDDDDDDDD
    PS. Meravigliosamente belli i tuoi ravioli sister!

  22. Adoro la pasta ripiena! Ottimi i tuoi ravioli, farciti col formaggio e le pere li ho preparati qualche tempo fa. Mi piace l'aceto balsamico come condimento! 🙂
    Un bacione e buona domenica

  23. Che buoni che sono con quel gustoso ripieno!!!!!!Complimenti Federica ti sono venuti benissimo e cara non potevano non piacere…..Buongustaio il tuo papà!!!!!!!
    Un bacione cara
    BUONA DOMENICA!!!!!!!!!

  24. Ciao cara, meglio tardi che mai, vero??
    Giornata pienotta oggi. Ma quante soddisfazioni 😉
    Bello il papy, ne voleva ancora quancuno!!! La prossima volta porzione doppia 😀
    Buona settimana

  25. Sei stata grande!!! A volte mi sembra di leggermi… Quando ho visto questa ricetta che avete preparato in tante e tutte perfette, compresa la tua, pensavo: Meno male che non stavo in questa "sfida"! E chi l'ha mai fatto un raviolo in vita mia??? E pure io mi immaginavo con la pasta appiccicata ovunque (cosa che ogni tanto accade, non credere!). Mi hai divertita un sacco con questo post! Compreso il dialogo tra te e tuo padre! Buona domenica!!! Io sotto l'acqua… però sto alle prese con una crostata strepitosa… che se viene bene!!! In realtà è una prova. Se va bene la preparo per il battesimo della mia pronipotina!!!

    • Anch'io sotto l'acqua, che tristessssssssssssa 🙁 Sono sicura che crostata verrà non bene…di più! E adesso che mi hai messo la pulce nell'orecchio sono anche molto curiosa di scoprire come ^_^

  26. Io sarei un po' come tuo papà:la pera è un frutto e quindi si mangia a fine pasto,a merenda e nei dolci.Però se hai convinto lui forse assaggiando mi convincerei anch'io: posso venire a cena da te per un assaggino?
    Un abbraccio.

  27. Ecco allora di chi è la colpa per tutta quest'acqua che continua a scendere!! Adesso ti abbiamo scoperta… 🙂
    Qualche mese fa abbiamo provato un risotto con le pere e sono rimasta sorpresa dal gusto e dal fatto che non si riconoscessero affatto dentro al risotto. Chi l'avrebbe mai detto?
    Adesso mi proponi questi ravioli spettacolari (e meno male che era la prima volta li facevi… altrimenti cosa mi combinavi?!). Come resistere? Dovrei però sostituire il gorgonzola con qualcosa d'altro, visto che quello proprio non mi piace. Suggerimenti?
    Un bacione e grazie per le belle parole che hai scritto a Tommy.

    • Sai che sto pensando la stessa cosa per la pioggia? Quasi mi mordo le mani :)) Per il ripieno puoi fare tranquillamente solo ricotta com'era nella ricetta originale, il gorgonzola è stata una mia variazione. Spero che Tommy riesca a risolvere presto la causa del suo malessere e anche a dare un ritmo meno frenetico alle giornate. Lo stress gioca davvero dei pessimi scherzi! Bacioni

  28. Grazie a tutte 🙂 E ancora un grande grazie a Elena che mi ha permesso dis corpire la bontà di questi ravioli. Un consiglio spassionato…provateli perchè non ve ne pentirete di sicuro, anzi! Un bacione e buon proseguimento di domenica

  29. ebbè, che dire? Bravissima! Anche a me i ravioli divertono un sacco (quando ho tempo di farli!), ma certo che se era la tua prima volta chissà cos'altro ci dobbiamo aspettare!
    Hai convinto anche il papà e questo, lo si sa bene, è una gran conquista (di solito i genitori hanno gusti un pochino tradizinalisti…).
    Ho letto il link che mi hai mandato. Interessantissimo. Sto facendo una piccola ricerchina perché ho ancora qualche dubbio da dipanare. Ma tu hai studiato chimica? Sai che mi appassiona molto? Magari riprendo in mano un testo che mi sono fatta prestare…
    Ciao, un abbraccio e grazie

    • Sono chimico-farmaceutico e un po' per "deformazione professionale" (chiamiamola così!) un po' per passione personale mi incuriosce un sacco quello che succede in cucina a livello molecolare, perchè gli stessi ingredienti anche con le stesse dosi, combinati in ordine diverso, danno luogo a prodotti diversi. Se trovi quel libro prendilo, è davvero ricco di curiosità interessanti ^_^

  30. e meno male che non li hai mai fatti 😀 anche io volevo usare il pepe rosa 🙂 poi ho deciso di no.. ad ogni modo sono molto particolari con le pere! mio figlio li ha mangiati..buoni!! cosa c'è?? dopo te lo dico! 😀 bella versione cara! puoi farne degli altri ! ihihi! ciaooo

  31. Oh, che emozione essere sotto il commento della Faustidda…mmmm…
    Questi raviolinchi sono spettacolari. Nella mia precedente vita glutinosa, quando andavo a cena fuori, il primo erano sempre ravioli…squisiti.
    Quelli senza glutine sono commestibili, ma non rendono minimamente.
    Bravissima come sempre, buona settimana!

  32. Non posso credere che è la prima volta che fai dei ravioli! Conoscendo le persone attraverso i blog sembrate delle vere professioniste, e ti giuro quando leggo che qualcuno prepara per la prima volta una cosa quasi non ci credo! Meravigliosi! Ma perchè non volevi dire a tuo padre che c'erano le pere? 😀
    Baci

  33. Ma dai! Vedi avere un blog stravisitato??? Mentre scrivevo il commento sotto alla Faustidda ne son entrate altre due! Pfiuuuuu, pericolo scampato…

  34. I tuoi ravioli sono un piatto da chef, poi l'aceto balsamico è proprio vero che rende tanti piatti gustosissimi, io non ci credevo finchè non l'ho provato! Buona serata.

  35. Via…via…

    qua ci sono sempre taaaaaaaaaaaaaaanti commenti…mi tocca attendere ore per lasciare l'obolo! ;o)

    Vero che il primo amore non si scroda mai???

    VEROOOOOOOOOOOOOOOOOOO???????

    Dimmi di siiiiiiiiiiiiiiii…l'avvocato in tempo di crisi potrebbe suicidarsi!

    Allora questa ricettu"SS"a, mi ispira assai, ovviamente passando da te…ma NON mettere l'aceto balsamico.

    Aceto Balsamico?

    GLASSA??????????????????

    Naaaaaaaaaaa…devo passare da Elena!

    Il nettare a 150euro alla "fiala" ci vuole.

    Senti ammè…io sò di MO…ne so qualcosa! ;o)

    Sen"S"a aceto i miei eh??? Non deludere l'avvocato! ;o)

    Ti lovvo…smuack! ;o) NI

  36. Caspita questi ravioli sono un trionfo!il mix degli ingredienti e' veramente 'coinvolgente'… Non saprei in che altro modo esprimere il trasporto che provo… In ogni caso se voglio avere un'opportunità per l'assaggio e' necessario che io mi conceda a questa prima volta: anch'io non ho mai fatto i ravioli… Chissà !

  37. Ma sei davvero bravissima anche i ravioli fatti a mano, sono una meraviglia e poi cosa c''e' di piu' buono del formaggio con le pere!!!Se hai passato il consenso del tuo severo papa' vuol dire che erano buonissimiiii e che bella presentazione!!!Un abbraccio!!!

  38. Mi fa molto piacere che siano piaciuti anche al tuo papi..quando piace qualcosa a queste persone così esigenti ci si sente al settimo cielo, vero? Capita anche a me con il mio papà, che è tradizionalista e queste ricette proprio non le apprezza… ti sono venuti benissimo e spero che siano un'inizio di una lunga carriera da sfoglina!!!!Buoni ravioli e buona settimana!!! elena

  39. Ma dai, che spettacolo!! mi incuriosisce molto il burro di cacao… mi piacerebbe molto assaggiarlo, complimenti sei sempre un passo avanti! 🙂
    L'immagine in b/n mi piace da matti! 🙂

  40. Cavoli, fortuna che non l'hai passata la mano, altrimenti come facevano poveretti la talpa e il papino???
    Mamma mia Feede se sei magica tu! Fortuna che era il tuo primo raviolo altrimenti che ci combinavi???
    Bravissima come sempre e un plauso da standing ovation per quella meravigliosa foto con un'unico raviolo a colori!!! ( ma come cavolo si fa???) Tu sei troppo magica e io da sorellina voglio troppo imparare…
    non è che mi dai ripetizioni???
    Un bacio grandissimo! ^___^ Any

    • E non avrei mai scoperto che il papy può riservare strabilianti sorprese :)) Quando ho confessato la presenza delle pere ho tremato perchè pensavo che epr la suggestione non gli piacessero più! E invece… :D!

  41. non ci credo che era la prima volta…. sono bellissimi!!! capito il papi??? l'hai fregato con un abbinamento che di suo non avrebbe mai scelto. giusto?
    un bacione… lourdes direi anche no…..

  42. davvero una grande soddisfazione quella di conquistare i palati più difficili, soprattutto delle mamme e dei papà (col valore aggiunto del trasporto affettivo!). Bravissima fede!!!! E per non averli mai fatti la soddisfazione che siano riusciti così bene è anche doppia.
    Tra l'altro devono essere proprio buonissimi! Nemmeno io li ho mai fatti e prima o poi bisogna che mi decida.
    Un lunedì di pasquetta davvero ben speso e che ha dato ottimi frutti!
    tantissimi bacioni, buona giornata.

  43. Ho avuto alcune esperienze di ravioli & co e tutte le volte ho la stessa sensazione… sembra che sia un lavoro enorme, invece arrivo alla fine e quasi mi dispiace….!! E sono grandissime soddisfazioni!!
    Ottima la tua riuscita, soprattutto quando apprezza chi di solito bacchetta ^__-
    Baciotti e buona settimana, tesoro!!!
    Franci

  44. Col gorgonzola sono certa che li mangerebbe anche il mio agapi..Stupenda versione cara Federica! Sono PERFETTI, per fortuna che non hai mai fatto la pasta fatta in casa altrimenti cosa usciva? Un abbraccio grande e GRAZIE

  45. Buoniiiiii i ravioli!! questi poi sono tres chic, gorgonzola e pere sono un'abbinata favolosa. Tuo papà assomiglia proprio al mio in fatto di diffidenza culinaria…il mio però forse è peggio perchè mi obbliga a dirgli prima quello che c'è dentro altrimenti non si sogna di assaggiare…e questa è una sfiga 😉
    Senti per quei 7-8 chili di mandorle…se hai bisogno di un aiuto per smaltirle fammi un fischio :DD

  46. Brava Federica!sembrano proprio buoni. Cerchero` di vincere la mia autostima anche io e provare a farlo. Se la cucina sembrera` un campo di guerra, giuro che faccio la foto e te la mando 🙂

  47. Io invece cara non avevo dubbi sulla perfetta riuscita di questi ravioli che trovo veramente eccellenti! Bravissima 🙂

    P.S. mi piace un sacco la foto in bianco e nero con un solo raviolo colorato come hai fatto??? 😀

  48. E' vero che, nonostante passino gli anni, l'approvazione dei genitori dà sempre una grande soddisfazione! Bellissimi i tuoi ravioli…io sono ancora un po' diffidente verso la pasta fatta in casa, ma un giorno dovrò mettermi alla prova, no?
    Camy

  49. Non avrei avuto dubbi ma nemmeno un secondo sulle tue capacità di fare, o rifare!, i ravioli, hai scherzato, vero? Inutile dire che sono perfetti, è evidente, e che invitano alla prova, la farcia è superlativa per i miei gusti!
    Buona settimana, ti abbraccio!

  50. Ciao! che bel connubio1 delicato il ripieno con un calssico, mentre il condiemtno si presenta molto aromatico, pur nella sua semplicità!
    bravissima, poi i ravioli per noi sono ancora una sfida!!
    un bacione

  51. Ehh cosa te lo dico a fare.. sei bravissima .. le tue foto sono fantastiche.. i tuoi racconti anche.. io ci provo ma anche a scuola con i temi ero lapidaria..
    a te tutta la mia stima!!!

  52. Che bella anche questa tua versione cara Federica, io per motivi sportivi, riesco a leggere solo oggi tutte le vostre ricette, della tua mi piace molto l'uso del burro di cacao, credo gli dia una nota niente male; la farina di kamut invece non l'ho mai usata. Un abbraccio

  53. Fede, ma tu sei una maghetta….io davvero sono un disastro, se provassi a fare i ravioli…no, no…io passo e però mi gusto con gli occhi i tuoi, che sono sublimi!belle anche le foto, brava come sempre!

  54. Davvero una bella iniziativa…e davvero gustosi questi ravioli! Nemmeno io li ho mai fatti, però mi intriga molto la possibilità di scegliere il ripieno che più mi piace! Proverò!

  55. Non potrei scrivere nulla in più di quanto fatto da coloro che mi hanno preceduta..quindi ti mando un abbraccio, il più forte che posso e la promessa che, anche una pigra come me, prima o poi, proverà questa tua ricetta che
    mette l'acquolina in bocca..!!

  56. Come mi piacerebbe mettermi li a fare i ravioli, da sola, senza nessuno che mi mette fretta, senza incombenze di lavoro, in silenzio, con solo gli uccellini del giardino che cinguettano…eh si il raviolo richiede la massima concentrazione è un lavoro zen, almeno per me! eheheheheh
    Ti sono venuti benissimo, belli cicciosetti come piacciono a me 😉

  57. Mi piace tentissimo il mix di sapori: si sposano armoniosamente. Sono assolutamente invitanti e mi piacerebbe provare a replicare quanto prima. Se trovo il tempo di farli ti faccio sapere come sono venuti!

    Nadia – Alte Forchette –

  58. Complimenti…questa ricetta mi ispira da matti!! Deve essere buonissima..adoro i primi piatti! Poi interno formaggio e pere mi rende l'idea di delicatezza..
    E poi posso capire la soddisfazione nel sentirti dire dal papà che sono buonissimi!! Grande!
    Complimenti anche per le tue sempre fantastiche foto, sei davvero bravissima!
    Un abbraccio, a presto..
    Kika

  59. Ahahahah! Anche io nascondo spesso i veri "originali" ingredienti agli ospiti per poi rivelarli…a bassissima voce se il piatto è piaciuto!!! Non ti dico le facce degli invitati dopo aver spazzolato l'arrosto e scoperto che la salsa era fatta con la cannella… 😛
    La talpa e Gi hanno molto in comune…possibile che il loro stomaco sia senza fondo?? E come fanno a ingrassare pochissimo e/o per niente per tutto quello che mangiano? Ieri Gi ha deciso di mettersi a dieta per perdere 4 chili ed entrare nel vestito da "testimone" per il matrimonio della sorella… ma "dieta" nel senso "mangiare come i comuni mortali"…
    Questa ricetta la segno ma per il momento gliela devo nascondere, lui va matto per i ravioli e gli ho concesso solo 1 giorno libero a settimana e il prossimo ha già "ordinato" un piatto! 😛

    • Ecco, con la salsa alla cannella probabilmente avresti convito me a mangiare l'arrosto 🙂 Eh sì, mi sa tanto che le nostre due cavie hanno molto in comune oltre alla G, mi fa una rabbia che non ti dico! Coccolami la cucciolotta, ci conto ^_^

  60. Ahahaha passata la prova genitori e questa e' sempre la soddisfazione migliore, anche se io ho pure la prova fratello, che ancora si sbudella dalle risate quando va a dire in giro che io scrivo ricette!

    Ciao
    Alessandra

  61. Hai ragione, una volta che ci hai preso la mano formare i ravioli è divertentissimo, il problema è, appunto, trovare il coraggio di "saltare il fosso" e cominciare, ma questo capita un po' con tutto, no?
    Il condimento all'aceto balsamico mi ricorda molto una ricetta di ravioli alle mele e patate, che ho mangiato in Alto Adige e che erano appunto conditi con la glassa di balsamico!

  62. Menomale che non avevi mai fatto un raviolo. Ma sei bravissima!!! E questa ricetta attizza anche me…fammi trovare un po' di tempo e la provo. Intanto ti abbraccio….vedo che va sempre meglio :)))

  63. una volta mi è capitata una cosa simile con mio marito. lui non ama la frutta nei nei dolci ne da qualunque altra parte (non gli piace nemmeno il risotto agli agrumi che io AMO) e preparai per me un buon risottino con le mele, lui lo volle assaggiare e non dissi cosa ci fosse dentro "mmm, buonooo! ma che ci hai messo dentro?" io "ehm… le mele" "caspita, è proprio buono" morale: lo finì lui e io dovetti mangiare la pasta, sua! :(((
    So no sempre una sorpresa questi uomini ihihihihih
    un abbraccio e complimenti.

    • hihihi la storia del risotto mi ha fatto ricordare quella della frittata con le cipolle. Io e mamma adoriamo la frittata con le cipolle, mio papà sostiene che le cipolle non gli piacciono. Sta di fatto che una sera ci vede mangiare questa frittata talmente du gusto che alla domanda di mia mamma "vuoi assaggiare?" cede alla tentazione e…morale della favola mamma è rimasta a bocca asciutta, glil'ha praticamente finita un pezzetto dopo l'altro! No comment!

  64. Splendida ricetta che tu hai rifatto egregiamente, tanto piu' che e' piaciuta pure a tuo padre! Questi ravioli intrigano molto, contrasti, dolce, …un piatto da gourmet!

  65. Ciao tesoro!! Il tuo post mi ha riportato indietro nel tempo, a quando anche a mio padre mi toccava sempre tenere nascosto l' ingrediente segreto altrimenti neanche assaggiava…Bei tempi!!! Adesso invece mi gusto i tuoi ravioli golosi che anche io ho fatto poco tempo fa e che sono una vera delizia! Direi che come primo esperimento ti sei superata…sono meravigliosi e la foto in bianco e nero con il solo raviolo a colori è meravigliosa!!! Un baciotto e buona serata…

  66. Mannaggia e' un po' che non passo qui da te e mi dispiace non sai quanto! Sono piuttosto girovaga in questo periodo ma prometto di essere piu presente. Conoscendo quello che mi hai raccontato sul tuo babbo, sempre sospettoso sulla tua cucina, credo che tu abbia riscosso un successo senza precedenti! Ravioli meravigliosi, altro che sghembi! Ti abbraccio forte! Pat

  67. Ma sono bellissimi i tuoi ravioli, mi piacciono tantissimo!!!
    Per il tuo papà, come il mio, risultati così positivi ti fanno toccare il cielo con un dito, sei d'accordo???
    Baci

  68. Emmmmmenomale che tu non avevi mai fatto un raviolo prima! atrimenti cosa ci avresti proposto?????
    Questi sono perfetti nell'aspetto e immagino come potrebbero essere nel gusto…
    Brava tesoro, come sempre 🙂
    Ma una curiosità… come hai tirato la pasta? A mano??????
    un bacione!

  69. Dear Federica, Beautiful. Homemade ravioli brings back good memories. I used to make them with my mom when I was a little girl. I make them now and love inventing new fillings. I like the idea of the sweet pear. It looks delicious. Blessings dear. Catherine xo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.