Cookies alla bacche di goji e gocce di cioccolato. Something Red: di “pennute” e di biscotti!



“Quando uno nasce, non sa chi è. E se non c’è nessuno che glielo dice, la vita diventa una bella complicazione. 
Lei, per esempio, non sapeva chi era, perchè quando era nata, la notte di Natale, rotolando giù dal camion di Jack il Camionista, si era ritrovata completamente sola e aveva scambiato per sua madre una pantofola di pelo. Una calda pantofola accogliente, dentro la quale si era accoccolata sognando di non essere ancora nata. In fondo, era contenta di avere questa mamma. E tutto sarebbe rimasto per sempre così, se non avesse avuto il desiderio di conoscere il mondo e sulla sua strada non avesse incontrato continuamente qualcuno che le chiedeva: «Che animale sei?» 
«Una pantofola» aveva risposto a George Castor e lui l’aveva guardata stupefatto. 
«Un castoro» aveva detto a Poltron Strel e lui aveva preso a volteggiarle intorno nel suo mantello nero. 
Finchè un giorno, dopo tanti incontri e tante avventure, si ritrovò alla scuola della maestra Tolmer, che aveva una profonda convinzione, e cioè che tutto a questo mondo passa, anche le domande. 
E lì scoprì la verità. 
Fine della storia? Neanche per sogno. 
Perchè sapere chi siamo è bello, è un pensiero che ci dà sollievo. Ma nel nostro mondo, una volta entrati, non è detto che ci sentiamo davvero bene. 
Occorre molta immaginazione, e qualche buon amico, e magari un Lupo Solitario che si innamora di te…” 
[da “Che animale sei? Storia di una pennuta” di P. Mastrocola] 

A volte però non basta neanche quel Lupo Solitario, o Talpa che sia, a farti sentire bene nel tuo mondo. 
Non sempre almeno. 
Ci sono momenti in cui forse avresti preferito continuare a credere di essere di volta in volta una “pantofola”, un “castoro”, un “pipistrello”, tutto fuorchè prendere coscienza di ciò che sei davvero. 
E non perché non ti senta bene nel tuo ruolo di “pennuta” ma solo perchè senti che quella “pennuta” resta comunque imbrigliata dentro panni non suoi. 
E non sa come venirne fuori. 
Per gridare al mondo chi è davvero. 
L’effetto della primavera comincia a farsi sentire. 
E come rifiorisce la natura tutta intorno, vorrei potesse rifiorire quella parte di me che, in un modo o nell’altro, continua a sentirsi schiacciata sotto il peso della quotidianità e degli stereotipi. 
Giornate lente e un po’ apatiche. 
Giornate in cui brevi sprazzi di euforia si alternano a momenti di riflessione e di crisi esistenziale. 
Dubbi e incertezze che affollano la mente. 
Ma nessun dubbio o incertezza quando ho messo mano a questi biscotti. 
E se mai ne avessi avuti, sarebbero spariti tutti al primo morso: un esterno leggermente croccante con un cuore morbido arricchito da golose gocce di cioccolato e da quelle piccole bacche rosse che mi piacciono tanto. 
 Un paio di colazioni e sono spariti tutti! 
E voi, avete voglia di provarli?

 

Cookies alle bacche di goji e gocce di cioccolato
Tempo di preparazione        30 minuti
Tempo di cottura               15 minuti
Tempo passivo                   2 ore
Porzioni                            6 persone

Ingredienti per circa 20-25 biscotti
135 gr di farina di kamut
50 gr farina d’orzo integrale
85 gr di zucchero di canna (io Demerara BRONsugar di D&C)
65 gr di burro leggermente salato
2 tuorli
30 ml di succo di goji
1 cucchiaio di latte
30 gr di bacche di goji
20 gr di gocce di cioccolato
scorza grattugiata di limone
1 cucchiaino scarso di lievito per dolci
sale (SOLO in caso di burro normale)

Procedimento
1. Setacciare la farina con il lievito (aggiungere eventualmente anche un pizzico di sale se si usa burro non salato).
2. Passare velocemente le le bacche di goji sotto l’acqua tiepida e tamponarle delicatamente su carta assorbente da cucina.
3. Montare il burro morbido con lo zucchero fino ad ottenere una crema soffice.
4. Aggiungere i tuorli, la scorza del limone e lasciar assorbire.
5. Unire il succo di goji, il latte, la farina e da ultimo le bacche e le gocce di cioccolato.
6. Impastare velocemente, formare una palla, avvolgere l’impasto nella pellicola e lasciarlo riposare in frigo per un paio d’ore.
7. Trascorso il riposo, riprendere l’impasto, formare delle palline delle dimensioni di una noce (io le ho fatte da 20 gr l’una), e disporle distanziate sulla placca foderata di carta forno, schiacciandole leggermente con il palmo della mano.
8. Cuocere in forno caldo a 180°C per circa 15-20 minuti, fino a che i biscotti risulteranno leggermente dorati in superficie.
9. Sfornare e lasciar raffreddare su una griglia.

Note
A piacere sostituire 35 gr di zucchero di canna con 5 gr di Stevia Misura di D&C.

Un abbraccio e buona settimana a tutti. Alla prossima…

image_pdf

127 commenti

  1. A volte abbiamo quei momenti un pò così,dove si sta tanto bene e poi di colpo si è tanto pensierose. Penso davvero che sia l'effetto della primavera, quindi un effetto passeggero mia cara Fede!
    Mi prendo un biscotto,di sicuro super buono e ti auguro una buona settimana di pensieri belli!!:)

  2. Woow, anche tu bache di goji, complimenti per la collaborazione!
    Non ho la minima idea di come siano, ma un biscotto lo assaggerei volentieri.

  3. Attraversiamo tutti queste fasi un po' strane..in cui ci cerchiamo, ci troviamo, ci riperdiamo, ci interroghiamo…in cui cerchiamo di emergere, riemergere..in cui cerchiamo di fare ordine..forse è anche giusto che alcune fasi, che alcuni momenti arrivino..è giusto perché ci aiutano a capire sempre qualcosina in più sul nostro conto…e poi, poi ci sono cose su cui siamo certi..sicuri..territori in che ci appartengono..ecco, la cucina, è il tuo territorio..meravigliosi i tuoi biscotti..grazie per questa bella ricetta 🙂
    Ti abbraccio :**

    • "capire sempre qualcosina in più sul nostro conto" forse è per questo che mi sembra sempre più dura e difficile andare avanti. Quando certe cose le ignori non pesano. Ma nel momento in cui ne prendi coscienza e non sai/puoi far nulla per cambiarle, diventa dura ingoiare il rospo! Per fortuna c'è la cucina, quel rifigio che mi nessuno riuscirà a togliermi e che mi dà comuqnue la forza di risalire a galla :*

  4. si, è proprio così…a volte non si sa mai chi siamo anche durante il corso della vita…che poi è una vita tutta frenetica e ben attenta a nasconderci la riflessione inerenti alle importanti verita'! senti, ma queste bacche di goji mi incuriosiscono…da vedere non mi ispirano, ma sono davvero così buone?

    • Proprio questo volevo sentire a proposito delle bacche: ho letto di tante preparazioni dolci in cui venivano inserite, io invece avevo la curiosità di mangiarle così… ma non avevo idea del sapore finale: mi piace che sia leggermente asprigno e non, tanto per capirci, tipo mirtilli rossi secchi, che invece sono decisamente troppo dolci per i miei gusti: grazie!

  5. Ti capisco, tesoro mio… questi momenti arrivano ogni tanto, mettono scompiglio ma ci fanno capire qualcosa in più di noi stessi e ne usciamo più consapevoli. Accoglili pensando che dopo sarai ancora più forte e ancora più bella, sempre di più TE STESSA <3 Questi biscotti mi stanno chiamando… si si, li sento, sai?! 😀 Devono essere buonissimi, complimenti! 🙂 Un abbraccio fortissimo, buon lunedì :** <3

  6. Certe volte vorremmo essere altro… Lo so … Però poi ci ritroviamo ed e' tutto un processo nostro …la storia mi è' piaciuta molto e insieme questi biscottini che già ho voglia di fare!!!!
    Un bacione dolcezza

  7. Un post molto bello, a partire dal racconto che hai condiviso con noi, per poi proseguire in una riflessione di te stessa che accomuna molte persone: sono stanca del quotidiano, anche se sempre meraviglioso perchè è vita, ma che mi affatica sempre di più… sono stanca di dover lottare ogni giorno per qualcosa che mi spetta di diritto, per non farmi imbrogliare dal furbetto di turno, sono stanca di mille adempimenti inutili, di correr dietro alle paranoie dei docenti di mio figlio, alla dichiarazione dei redditi, a tutte le rotture di scatole che ci vengono imposte… e vorrei scappare in campagna, avere di meno e stare più tranquilla, dove il profumo dei biscotti mi riporterebbe alla dolcezza dell'infanzia; in questo la tua ricetta è perfetta e le foto, stupende, mi danno un senso di rinnovato calore!
    Bravissima!
    Ciao, Tatiana

    • Quanto la condivido questa tua riflessione. Stanca…mi sento spesso stanca per i tuoi stessi motivi ed è un po' anche per questo che a volte rifiuto l'idea di crescere. Vorrei tornare bambina per non avere pensieri!

  8. Ne avrei bisogno di un paio…di chili di biscotti così in questo periodo un po' grigio…ma bisogna in qualche modo restare a galla e so che lo faremo.
    Un abbraccio!

  9. Vedi?Siamo in tante a pensarla così!La famosa crisi esistenziale colpisce un pò tutti e in svariati momenti,come venirne fuori non so…son qui da quarant'anni a cercare la soluzione!Spesso mi ripeto che tutto dipende da me e dalla mia forza,ma in realtà è anche ciò che ci circonda a tenerci"Imbrigliati"!E soprattutto in questo mondo dove la passione è tanta,ci accomuna anche questo senso di"inespressione",sperando in un domani"libero"!Mio bel pennuto,passami almeno tre biscotti,che ultimamente da questa crisi,non riesco proprio ad uscirne!Un bacione tesoro…i biscotti son deliziosi con quei gioiellini!

    • "tutto dipende da me e dalla mia forza"…parole sante!
      E' risucire a farla venir fuori quella forza che spesso è difficile. Ma ce la possiamo fare, non so come ma ce la possiamo fare. Ci proviamo insieme bionda?

  10. Un concentrato di Goji tra succo e bacche.. wow! Spero ti abbia aiutato ad "intrepretare" le singole personalità di pantofola, castoro o pipistrello che di sicuro racchiude in se la tua individualità!

  11. "Perchè noi siamo uno, nessuno e centomila…" a seconda dei momenti particolare e… delle stagioni della vita che ci attraversano, ci rimescolano, ci stordiscono, volenti o nolenti.
    Mi è venuto spontaneo citare il mio adorato Pirandello leggendo il brano della Mastracola (l'ho letto quel libro!) e la tua riflessione personale cara Federica. E' così e sarà sempre così, ormai ho superato i 40 da un pezzo, dovrei essere in piena consapevolezza di me stessa eppure sento anch'io di vestire "panni" non miei dele volte…
    Ma lasciamo perdere, va! Mi voglio concentrare sui tuoi biscotti FA-VO-LO-SI, ma d'altra parte, la devi ancora sfornare una ricetta che non mi piace 🙂
    Ciao Fede, bacione e buona settimana !

    • Quanto ho amato quel libro di Pirandello, forse proprio perchè in quell'uno-nessuno-centomila mi ci sono sempre tatno riconosciuta! Per me i 40 sono dietro l'angolo, dovrei aver raggiunto anch'io la piena consapevolezza di me stessa ma paradossalmente ho come l'impressione che più il tempo passa e meno so chi sono! Quasi andassi a passo di gambero!

  12. Tesoro mettici che sei del cancro e che è primavera e il gioco è fatto:D!!Scherzi a parte capita a tutti di avere dei momenti in cui vorresti aprire la porta e scappare da tutto il peso che ti senti addosso…di non vivere momenti up e down che cmq mettono in discussione tutto ma Fede lo sai che domani è un altro giorno giusto??
    Tutto passa cara, l'importante è vivere gli attimi non le ore…e io mangerei ogni attimo tesoro questi biscotti che sono di un buono….ti voglio un mondo di bene cucciola e non solo io quindi sai che sei speciale per tante di noi…per me un pò di piu che speciale, perchè sei l'amica che vorrei sempre vicino a me!!!!
    Un bacione grande,
    Imma

    • L'essere cancerina in questi sbalzi d'umore dà una bella botta, hai proprio ragione tesoro mio! Ma sì, oggi è un altro giorno e già va meglio. E' tornato anche un po' di sole e faccio di tutto per farne entrare una parte dentro di me :*

  13. Tesoro, non sai come mi riconosco in quello che scrivi oggi….certe volte il desiderio di essere almeno pantofola, di essere lasciata in pace, di poter svicolare e liberarmi in qualche modo da quel peso della quotidianità e da quegli stereotipi di cui parli, in cui non mi riconosco e, ad essere sincera, non voglio riconoscermi mai è imperativo.
    Eppure la risposta l'hai data tu stessa, e no è nel mero cibo ma nella passione, nella creatività, nell'amore con cui ti dedichi e quelle cose che fanno star bene, anche solo per un po', e che pino piano, sono sicura, renderanno il transito attraverso questa fase un po' così un po' più lieve!
    Ti abbraccio, pantofolina mia ♥

    • Se non avessi il mio piccolo rifugio nella cucina a volte credo impazzirei. Ma per fortuna c'è e cerco di farci leva per tirarmi su nei momenti bui che ciclicamente si ripresentano. Passerà anche stavolta, lo sta già facendo anche grazie a tutte voi :*

  14. la primavera rende pensierosi, ti capisco, ma vedrai che ci aiuterà anche a ritrovarci… ad ogni primavera scopriremo qualcosa in più, anche se ogni tanto vorremmo solo starcene accucciati nella pantofola…
    assaggio un biscottino e sorrido, non so perchè ma leggere questo post mi ha fatto sentire meno sola 🙂
    un abbraccio

  15. Chissà quante siamo a riconoscerci nelle tue parole….
    Ci sono giorni dove non c'è niente che basta, niente che sia sufficiente. La verità brutale è che dobbiamo sempre farcela da soli.
    Anche a me lo sbocciare della primavera fa sbocciare pensieri strani…ma una soluzione non ce l'ho.
    PS: leggi la Mastrocola, che sorpresa! Hai letto il bellissimo "Una barca nel bosco"? :')

  16. Sai queste sensazioni quando ero più giovane le avevo ad ogni cambio di stagione…venivo sopraffatta da tutto e tutto mi diventava stretto, sembrava che l'unica soluzione possibile fosse la fuga….poi crescendo tutto è sparito fino a questa primavera (quella che stiamo vivendo!) che mi ha fatto crollare in uno stato terribile….ora va molto meglio….ahimè sono momenti necessari che è vero ti fanno crescere ma ti fanno soffrire…ti colpiscono quando sei più stanca ed hai bisogno di più aiuto……e a volte ti sembra che nessuno se ne accorga…. Va be basta annoiarti oltre…passiamo ai tuoi spettacolari biscotti…oramai devo capitolare perchè non ho idea del gusto di queste bacche che vedo da tante….devo comprarle e provarle e con i tuoi biscottini sembrano davvero perfette!!!!

    Un abbraccio grande e buon inizio settimana
    monica

  17. Hai ragione ma mai arrendersi e cercare sempre….alla tua domanda finale dico….ho voglia di assaggiarli quindi o vengo da te oppure mi tocca farli? che facciamo? bellissimi e golosissimi! gnammy! buona giornata cara!

  18. Sono bellissimi questi biscottini… devo provare queste bacche, mi incuriosiscono tanto. Fede ho fatto una tua ricetta, per adesso non ti dico quale ma presto lo saprai, una cosa però te la devo dire… "eccezzziuonale veramente"! GRAZIE di vero cuore pulcino, un bacione 😉

  19. Mi auguro sia la primavera, anche per me non è un bel periodo, anzi.
    I tuoi biscotti ritemprano… quanto sono belli, perfetti ed invitanti.
    Un abbraccio stretto cara Fede ed un bacione, grande grande 🙂

  20. Intanto che sgranocchio un paio di splendidi cookie ti racconto del corso di ieri, è stato veramente entusiasmante e ho imparato i primi rudimenti, che mi hanno messo una gran voglia di imparare a fotografare meglio, piano piano ce la farò, Laura è stata bravissima e deliziosa!!! Bacioni!

    • Non avevo dubbi che sarebbe stata una fantastica giornata. Laura è meravigliosa e riesce a trasmettere tantissimo, non solo a livello didattico. Ora non ti resta che darci dentro con la macchina fotografica ^_^

  21. Ecco si non mi dispiace neanche cambiare identità di volta in volta così posso essere variabile e diversa proprio come mi sento in questo momento! Biscotti di una rotondità così perfetta che mi hanno colpito per la loro forma oltre che per gli ingredienti! Baci e felice settimana!

  22. tesoro io dietro la "pennuta" ci vedo uno splendido cigno, dalla profondità e sensibilità conclamata, cuore generoso, circondata dall'affetto di tantissime persone e dalla bravura eccezionale…. e non credo di essere la sola a vedere questo…. Spero che quella parte di te che ti fa stare bene fiorisca presto, mettendo da parte tutto quello che ostacola questa fioritura 😉 sui biscotti posso solo dire che qui avrebbero fatto fatica a durare 2 colazioni 😀 semplicemente eccezionali ti abbraccio tanto:*

    • Che dolce sei Simo. Vorrei vederlo anch'io quel cigno, oggi mi pare di scorgere solo un brutto anatroccolo, stanco e demoralizzato. Ma magari sarà anche questo tempo ballerino e il freddo che è tornato a farsi sentire. Mi passerà, mi impegno a farla passare questa sensazione di pesantezza. Grazie :*

  23. nel'attesa di conoscere da vicino(ma viste qui..)queste famosissime bacche di goji :))ammiro questi splendidi biscottini e furtiva..ne rubacchio uno…eheheh un bacione carissima Fede e buona settimana^;*

  24. Mi augurio che sial la primavera, anche per me questo non è un buon periodo,. Deliziosi i tuoi biscotti, mi hanno affascinato già dalla foto. Buon inizio di settimana Daniela.

  25. Ho un'urgente voglia di biscottare. Ah, queste bacche poi, ancora le guardo, ma quel prezzo non è proprio invitante, anche se la voglia di provarle spinge ogni volta che le vedo :))

  26. Anch'io l'ho letto, è un libro bellissimo!!! E anch'io come te sono altalenante tra attimi di euforica "illuminazione" e attimi di completo smarrimento… che aria invitante hanno questi biscotti peccato che per reperire una buona percentuale di ingredienti dovrei girare mezza regione 🙁 … mi capita spesso di essere guardata alla stregua di un'aliena ma già nel richiedere cose banalissime (tipo i libri di una collana per bambini che legge mia figlia -"stilton"- giusto per capirci mica l'anonimo scrittore dietro l'angolo; o l'anice stellato in polvere…figuriamoci se si trova il succo di goji o la farina di orzo integrale 🙁 !!! Alla prossima

    • Ti capisco perchè anche qui spesso e volentieri mi guardano come un'aliena e non solo per ingredienti particolari. Le bacchele ho prese on line, altrimenti campa cavallo! Volendo, puoi sostituirle con dell'uvetta o aumentare la qt di gocce di cioccolato e al posto del succo di goji usare del succo d'arancia o anche del latte.
      Per la farina d'orzo integrale puoi provare al NaturaSì oppure vai di farina integrale normale 😉

  27. Ma che tenera sarai, Federica, avrei voluto davvero incontrarti al corso della Pippi e arruffarti le piume…
    Mi sentirei proprio di biscottare, poi qui è venuto un tempo della miseria che toglie ogni voglia di uscire… e invece mi tocca…

  28. Mi sto sempre più convincendo che tutti i momenti di sconforto come quelli gioiosi devono essere accolti in noi,senza combatterli,accoglierli semplicemente e viverli!!
    e dei biscotti che vuoi che ti dica…ne vorrei un paio da inzuppare nel caffè!!

  29. E' vero, la primavera fa questo effetto, il tempo è un'altalena in quilibrio precario e l'umore lo segue a ruota. Complimenti per i cookies, golosi, con grande personalità, sarebbero spariti al volo anche in casa nostra.
    Bacioni da Sabrina&Luca

  30. Cara Fede, può capitare di sentirsi un pò indefiniti, in bilico tra l'essere una pantofola o l'essere un pennuto, la scelat spesso è sofferta, ma da ogni scelta vone fuori il meglio, ne sono sicura.

    Come per questi biscotti, sono belli da vedere, sicuramente ottimi da mangiare e sapranno darti la carica.

    Tieni duro 🙂

  31. Nuuuu..pulcina, bimbina mia .. :'( O mamma, quanto mi addolora sentirti un pò "cosi-così", se non fosse per la distanza, sarei subito soccorsa per passare un bel pomeriggio con te, magari a cucinare insieme (tu, un dolcetto, io ti propongo qlc di orientale, che dici?), e così, io e te: a chiacchierare, a sfogarci a vicenda, a ridere, a piangere, a sentirci un pò vittime della primavera. Perchè, tesoro, credimi, attimi di euforie e attimi di inspiegabile malinconia (in questo siamo cosi simili io e te!)
    Presto ci rifaremo.. intanto, a proposito di simiglianze, ehehe, oggi entrambe bacche di goji e succo! tesoro, vedo che tu le fai riposare in acqua poco, secondo te ho esagerato con 20 minuti? non vorrei perdesse le proprietà.. (è che mi ero messa a guardare un dvd nuovo con sofie nel frattempo ahahah!). ps ti saluta anche a lei pulcina!

    • Cucciolina magari, sai che bello sarebbe: la talpa e il pittore per i fatti loro, io e te chiuse in cucina a pasticciare e Sophie assaggiatrice ufficiale 🙂 Sarebbe una giornata splendiderrima. E io un pensierino ce lo voglio fare sul serio, mica scherzo!
      Preferisco lasciare a bagno le bacche pochissimo perchè ho notato che tendono a disfarsi facilmente, sono molto più delicate dell'uvetta e non volevo rischiare di avere una poltiglia nei biscotti. Nel tuo caso, trattandosi di un dolce al cucchiaio in cui andavao anche tritate, non credo sia stato un problema. Certo se l'ammollo è prolungato e magari l'acqua anche calda, una piccola parte delle proprietà è possibile che vada persa. Ma si può sempre recuperare l'acqua di ammollo 😉
      Strapazzami di coccole quello splendore di Sophie ^_^

  32. Sarà la Primavera cara Federica
    il tempo che cambia,il passaggio delle stagioni a creare pensieri contrastanti e a rendere il nostro umore non sempre stabile
    Basta non lasciarci vincere
    Ti auguro una bellissima settimana
    e complimenti per questi biscotti golosi

  33. Anche tu oggi con la sindrome di Atlante? Capita pulcino, ma vivendo mi sono accorta che capita alle personalità sensibili e profonde, chissà se vivono meglio quegli esseri superficiali e menefreghisti?
    mi rubo un biscotto e ti mando un bacione
    Alice

  34. Un bel racconto che fa riflettere non solo te, ma tutti noi. Cisono dei periodi, delle fasi della nostra età in cui ci poi poniamo delle domande e ci sforziamo di trovare delle risposte, e non sempre riusciamo a trovarle. Io sinceramente è da un pò di tempo che non me le pongo più forse perchà ho raggiunto quella mia pace interiore che mi fa prendere la vita sotto un'ottica diversa. Io ti auguro di raggiungere presto questo pace e di vivere la tua vita serenamente!!!!!
    Avrei accettato ben volentieri uno dei tuoi biscottini, ma sono finiti. E' normale, sono troppo buoni. Un bacio!!!!!

  35. Non so se sia la primavera o le corse a destra e manca, ma da parte mia dico di essere stanca morte. Mi alzo gia' a pezzi, quindi ti puoi immaginare come arrivo a sera…
    Io non ci avrei messo due colazioni a fare fuori questi biscotti, ultimamente sono dolce dipendentente e sgranocchio a destra e manca….una colazione e una mezza merenda sarebbero bastate 🙂

  36. Ciao Federica, momenti come quello che stai vivendo tu purtroppo capitano un po' a tutti, l'importante è riuscire a darsi una scrollata e cercare di uscirne. Sei riuscita almeno a farti una dolce coccola con questi deliziosi biscotti, è la cura migliore!!!
    Bacioni, a presto…

  37. Io mi sono costretta a imparare a non pensare, quando il pensiero mi genera angoscia, amarezza, ansia. Per questo forse è un po' che penso a cose frivole, cerco distrazioni, perchè è un attimo ricadere in quel vortice. Per questo passo ai biscotti prima che sia troppo tardi.
    Che voglia che ho di provare queste bacche di goji! le ho mangiate solo in una barretta di soia del supermercato, per ora-.- sono quelle cose che rimando costantemente "alla prossima volta" perchè per me costano tantino..ma prima o poi questa volta arriverà,via!
    un abbraccio,fede:)

  38. Quel libro è dolcissimo, l'ho letto almeno due volte e ogni volta è stata piacevole. Davanti a biscotti così come si va ad avere dei dubbi? Sono da mangiare a colazione con gli occhi ancora semichiusi per addolcire la giornata.
    Buona settimana!

  39. Ciao Federica ! vedo che le bacche di goji ti piacciono molto , devo decidermi a provarle ! Biscotti deliziosi ! Stare bene nel mondo inizia dallo stare bene con se stessi, è una palestra che bisogna frequentare spesso x vedere risultati… e io a volte sono pigra ! La primavera non è solo destabilizzante, può portare anche una bella dose di energia !! Peccato che qui ha ricominciato a piovere ! Un abbraccione !

  40. Fede … ma sai che mi dispiace molto leggerti così. Ma allo stesso tempo, trovo che tutto faccia parte non solo di un modo di essere, ma anche di un modo di crescere e di affrontare (anche ciclicamente) fasi della nostra vita. Molte delle tue riflessioni mi appartengono ed è per qwuesto che in loro percepisco molta forza … quando si è stanchi e demoralizzati è difficile intravvederlo. Ma credimi, C'E'!
    Io ti conosco da poco, ma quel che leggo e scorgo mi piace e mi piace moltossimo. E vedo anche che molti qui la pensano come me.
    Ti esorto di cuore a essere positiva e a darti carica … anche con un o o più di questi cookies che …solo una manina deliziosa poteva reazlizzare e creare così! Ora però quelle bacche io le devo avere perchp altrimenti non potrò mai assaggiare queste delizie e avrò motivi veri per essere triste 😉
    ti abbraccio stretto e ti auguro una settimana ricca di energia e positività 😀

  41. Sono contenta che hai citato la Mastrocola, mi piace, dovrebbero conoscerla in più persone! Lo hai letto "Palline di pane"? Te lo consiglio!
    Quanto ai biscotti, certo che voglio provarli! E se li assaggiassi a quest'ora, credo che non ne rimarrebbe nessuno per la colazione di domani… 🙂

  42. Sorellina dopo aver letto questo post avrei voglia più che mai di abbracciarti forte forte! Sì un abbraccio perchè a volte le parole non servono a molto! Ma siamo lontane allora proverò ugualmente a carezzarti con le parole…
    Possa il sole portarti nuova energia ogni giorno,
    possa la luna ristorarti nella notte,
    possa la pioggia lavar via le tue preoccupazioni,
    possa la brezza soffiare nuova forza nel tuo essere,
    possa tu camminare dolcemente nel mondo e conoscere la sua bellezza tutti i giorni della tua vita.
    (Benedizione Apache)
    Solo ancora una cosa… ti voglio bene sinceramente e in ogni ricetta che condividi con tante di noi ritrovo un pezzetto di te!
    Grazie sempre Fefè di esserci! <3

  43. È il percorso di ogni vita quello di diventare ogni giorno di più se stessi. È una ricerca che non ha mai fine. E proprio in questa ricerca c'è il senso ed il gusto dell'esistere. Io la vivo così.

  44. Dopo qualche anno ho capito anch'io che la primavera mi gioca spesso questi scherzi… desideri di rinascere non mi abbandonano fino all'arrivo dell'estate. Ci consoliamo con questi cookies dal cuore morbido, eh? un abbraccio

  45. Cucciolotta, tanto dolce quanto triste questo racconto…su su che sono sicura che dietro di te si nasconde un bellissimo cigno altro che una brutta pennuta…
    Buoni i biscotti, queste bacche di Goji ormai sono ovunque, devo decidermi a provarle!!

  46. Ciao Federica.
    Questi biscottini sono fantastici. Prendo subito appunti….
    Il tuo racconto mi ha fatto riflettere…. La primavera é il periodo di cambiamento, di risveglio e questo ci tocca profondamente…. perché c'é sempre qualcosa mal risolta in noi, ed é proprio in questo periodo che si presentano davanti a noi.
    Facciamo finta di niente e andiamo avanti??? Dipende…. dipende se ci sentiamo da affrontarla…
    Non dobbiamo diventare masochiste e perseguire la tristezza, ma non dobbiamo sempre far finta che tutto va bene…. Serve un equillibrio… sano. Che ci porta a star bene, indipendente dal resto.
    Ti abbraccio forte.
    Thais

  47. Cara Fede, questo post è bellissimo, il racconto (che non conoscevo) mi è piaciuto tantissimo..
    Ti assicuro che i momenti di transizione, di incertezza, di crisi esistenziale arrivano sempre, anche a 45 anni, anzi forse sono più forti e decisi…la primavera poi è una stagione molto bella ma io la vivo sempre tra mille 'paturnie' che vanno e vengono…l'importante però è che tu non rinunci mai a vivere la vita, a volte bisogna semplicemente vivere..ti lascio un passaggio di Osho che a me piace molto:

    “Ogni tanto tenta di vivere e basta… Vivi semplicemente. Non lottare e non forzare la vita. Osserva in silenzio ciò che accade. Lascia accadere ciò che accade. Permetti a ciò che è, di esistere. Lascia cadere ogni tensione e lascia che la vita fluisca, che accada.”

    Detto questo, i biscotti fai conto che io li abbia già fatti, copiati perchè sono buonissimi, ottima ricetta!
    Ti abbraccio forte forte!! Roby

  48. anche per me questo è un periodo con l'umore che va su e giù di continuo, sarà l'età (domani 45) saranno altri motivi…mettici pure la primavera che non arriva mai sul serio…ma dal canto mio, mi rendo conto che a volte bisogna vivere la vita "con leggerezza" per non sentirsi oppressi dalle proprie situazioni personali…ti credo che sono finiti i tuoi biscotti io adoro le bacche di goji, un abbraccio SILVIA

  49. Voglia di rinascita… ma no che dici mai. Alcuni giorni vorrei mettere un cartello "chiuso per ferie mentali" fuori la porta della mia vita. E meno male che tu hai i biscotti con quel tocco di rosso. Io no… ma solo perchè non ho proprio a portata di mano le bacche di gojl, mica perchè non li so fare !!!
    Baci cara Fede.
    A pretso

  50. E' dai momenti di riflessione che vengono fuori quelle che sono le decisioni e i principi più importanti della nostra vita! Vedrai che da questo periodo di stasi la piccola pennuta diventerà una bella aquilotta!
    BAci Fedeeeee

  51. anche io vorrei sentirmi più leggera e volare libera….senza pensieri!
    Questi biscotti sono davvero terapeutici, mi è venuta voglia di mettere le mani in pasta…
    Un bacione

  52. Io in questi giorni mi sento schiacciare dai pensieri, l'unica cosa che mi fa sorridere e dimenticare tutto per un po' è il viso della mia pupetta! Certo che avrei voglia di provare i tuoi biscotti, mannaggia se potessi oltrepassare quel monitor.. 🙂 Un forte abbraccio!

  53. Senti,ho deciso: tu vieni in Toscana,anzi in Versilia!!!Cosi tu ti diverti con i bottoni… e io mi pappo i tuoi dolcetti con gli ingredienti strani!!!
    ok???
    Lieta

  54. Cara Federica, rieccomi nuovamente dopo il mio lungo silenzio, causa il stressante trasloco. Ora è tutto finito e incomincio a farvi visita nei vostri rispettivo blog, Ciao e buona serata cara amica.
    Tomaso

  55. sì sì, che li voglio provare questi bei biscottoni confortanti!
    e avere conforto e sentirmi sempre bene anche io e ritrovare spensieratezze che di tanto in tanto (e sempre più spesso vacillano). Perchè la vita è così: va un po' come vuole lei, e ti stropiccia, ti schiaccia, ti arruffa, poi ti lascia lì un po' sgomenta un po' indecisa. Ma per fortuna con qualche lucina dentro che si accende al momento giusto e passa attraverso vie anche insospettabili. come quella di voler preparare biscotti per esempio. e trarne conforto, piccole gioie, grandi soddisfazioni. un modo come un altro per riagganciarti a un pensiero lieve, che proprio per questo però vola alto. tanto alto quanto nemmeno immagini.
    Vai Fede: è tutto lì, dentro di te, basta allungare una mano per afferrarlo!
    Ti abbraccio stretta e mando tanti baci.
    buon ponte!

  56. Cara Federica, questi non potevo perdermeli! Una meraviglia di biscotti! Io adoro i cookie e mi piace sgranocchiarli in tutti momenti del giorno…La tua ricetta mi incuriosisce, soprattutto la farina di kamut, che mi piace molto! A presto!!!

  57. In queste settimane sono molto di corsa, mille impegni e cose nuove che mi tengono impegnata. trascuro il blog ed anche voi…perdonami!!!

    io queste bacche prima o poi le compro!!! echetelodicoafare!

  58. Federica, tu es la reine des petits gâteaux.
    J'aime beaucoup ceux que tu fais et les photos sont toujours belles et tentantes.
    Je te pique 2 biscuits.
    A bientôt

  59. Ciao cara, io sto giusto uscendo da un periodo lunghissimo di stress e che ha letteralmente risucchiato tutte le mie energie…e purtroppo anche il blog ne ha risentito. Ora, con l'arrivo della primavera, sto lentamente tornando a prendere le cose con più calma ed a sorridere di più. I tuoi biscotti sarebbero un vero toccasana e le bacche di goji mi incuriosiscono tantissimo.
    Baci

  60. Allora, premesso che i tuoi biscotti sono bellissimi così, e la ricetta l'ho salvata, però ho già messo in calce le mie variazioni (farina gialla, e uvetta, che -so strana lo so,ma non diciamo in giro però- le bacche rosse mi fanno impressione….)
    Ora sentiamo cos'è sta storia? sei un po' fuori fase? ce l'ho un rimedio: passa da me cocca, che con tutte le stranezze che combino di sicuro un sorriso te lo strappo.
    E se proprio non ci riesco…………. mi impegno a solleticarti per un ora di fila! ^__^
    Anche te sei del cancro? e allora dillo che proprio mi vuoi copiare! :-)))

  61. Mi spiace per questi malinconici pensieri, ti auguro che le belle giornate di primavera portino luce nei tuoi pensieri e nonostante questi alti e bassi che purtroppo capitano un pò a tutti, tu possa essere di nuovo presto serena! complimenti per i biscotti, ti abbraccio!

  62. Sarà davvero la primavera, perchè in questo momento io mi sento esattamente come te…passerà…Questi biscottini sono così belli e rustici, e poi quelle bacche miracolose, che in questo periodo sento tanto nominare, ma che non ho mai assaggiato, ci riuscirò prima o poi?

  63. Sai che quel libro mi manca all'appello? Spesso chiamano a casa per sapere se siamo parenti di Paola, perchè mio marito ha lo stesso suo cognome! Ovviamente nulla a che vedere, ma anche lei è di Torino e scrive benissimo lo so, a tratti mi ci riconosco anche io e chi non potrebbe visti i tempi in cui viviamo? Spesso me lo chiedo tesoro, che si può fare per scacciare questo malessere che mi porto dentro… indugiare sui pensieri cupi a volte è inevitabile, ma poi cerco di dirottarli verso il bello e il buono che intorno vedo e mi consolo almeno un pò, GUARDANDO IL MIO CUCCIOLO CHE HA SEMPRE UN SORRISO PER ME E MI RINFRANCA L'ANIMO STANCO! Ti abbraccio pulcina e spero di darti anche io nel mio piccolo un pò di quel calore che un abbraccio e un sorriso possono dare! Ti voglio bene Fefè…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.