Almond-ginger biscotti. Martha, che mi combini?

almond ginger biscotti 2
Che abbia un debole per Martha Stewart non è un segreto.
Ho perso il conto delle sue ricette provate e mai che ne sia rimasta delusa.
Sempre precise, impeccabili e, manco a dirlo, buone da paura.
Ma…ma…c’è sempre una prima volta!
Alla ricerca come al solito di golosi biscottini, mi imbatto in questa meraviglia alle mandorle e zenzero e ovviamente me ne innamoro subito.
Leggo con attenzione la ricetta, un veloce calcolo di conversione, è anche senza grassi: BINGO!
Però però, c’è qualcosa che non mi convince.
Tre uova mi sembrano decisamente troppe, ovvero la quantità di farina indicata è troppo poca.
E dire che nella conversione da cup a grammi sono sempre di manica piuttosto larga, ma 3 uova, GRANDI per giunta, con 260 gr di farina mi lasciano davvero perplessa.
Anche a volere usare una parte di farina rustica multicereali che assorbe di più, i conti non mi tornano.
Leggendo i commenti mi accorgo che qualcuno ha appunto riscontrato lo stesso problema e nello stesso tempo faccio mente locale che spesso, ricette americane di biscotti simili ai nostri cantucci, prevedono un impasto assai più morbido, da “spalmare” nella teglia, cuocere e poi affettare.
Ma qui si parla chiaramente di lavorare l’impasto con le mani, spezzarlo e formare due filoni: “transfer dough to a lightly floured work surface; knead until smooth. Divide dough in half; shape into two logs, each about 1 inch high and 3 inches wide”.
Non c’è possibilità di equivoco.
E allora?
Rinuncio ai biscotti?
Non sia mai detto.
Un ritocco qui, un altro là ed anche stavolta lo zampino è assicurato
Ma così sì che l’impasto, anche se morbido, è gestibile da lavorare a mano, senza difficoltà.
Giuro che una parte di me oggi sarebbe curiosa di vedere cosa salterebbe fuori con un uovo in più e 20 gr di farina in meno, ma forse per il momento sarà meglio tenere la mia curiosità a bada.
La Martha stavolta è “rimandata a settembre”…il prossimo…mentre i biscotti sicuramente sono stati promossi a pieni voti.
Il responso dei colleghi d’ufficio?
“Imbattibili; i migliori cantucci che abbiamo mai mangiato”.
Allora che ne dite, li prepariamo insieme?

almond ginger biscotti 7

Print Recipe
Almond-ginger biscotti
Ingredienti per circa 50 biscotti
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 55 minuti
Tempo Passivo 10 minuti
Porzioni
persone
Ingredienti
  • 200 g farina 00
  • 80 g farina multicereali
  • 140 g zucchero di canna
  • 250 g mandorle intere non pelate
  • 100 g zenzero candito a cubetti
  • 2 uova medio-grandi
  • 2 lime scorza grattugiata
  • 1 cucchiaino zenzero in polvere
  • 8 g lievito per dolci
  • 1/4 cucchiaino sale
  • q.b. latte per spennellare
  • q.b. zucchero semolato (o di canna) per la superficie
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 55 minuti
Tempo Passivo 10 minuti
Porzioni
persone
Ingredienti
  • 200 g farina 00
  • 80 g farina multicereali
  • 140 g zucchero di canna
  • 250 g mandorle intere non pelate
  • 100 g zenzero candito a cubetti
  • 2 uova medio-grandi
  • 2 lime scorza grattugiata
  • 1 cucchiaino zenzero in polvere
  • 8 g lievito per dolci
  • 1/4 cucchiaino sale
  • q.b. latte per spennellare
  • q.b. zucchero semolato (o di canna) per la superficie
Istruzioni
  1. Setacciare un paio di volte le farine con il lievito e lo zenzero in polvere, aggiungere un pizzico di sale e tenere da parte.
  2. Montare l’uovo con lo zucchero di canna fino ad avere una massa chiara e gonfia.
  3. Profumare con la scorza di lime grattugiata finemente ed amalgamare.
  4. Aggiungere in un solo colpo le farine e, a seguire, lo zenzero a cubetti e la mandorle intere.
  5. Lavorare il minimo necessario per amalgamare bene tutti gli ingredienti.
  6. Trasferire l’impasto su una spianatoia abbondantemente infarinata, dividerlo a metà, formare due rotoli di circa 4 cm di diametro e appiattirli con il palmo della mano.
  7. Trasferire i filoni su una placca foderata di carta forno, spennellare appena la superficie con appena un goccio di latte e cospargerla con una manciata generosa di zucchero (semolato o di canna, a piacere).
  8. Cuocere in forno caldo a 175°C per circa 25-30 minuti, o fino a che la superficie risulta leggermente dorata.
  9. Sfornare e lasciar riposare nella teglia per 5-10 minuti.
  10. Trasferire i filoni su un tagliere e, con un coltello seghettato, ritagliare diagonalmente i biscotti a fette di circa 1 cm di spessore.
  11. Sistemare i biscotti nuovamente sulla placca, disposti in un solo strato, e rimetterli in forno per circa 20 minuti, o fino a che risulteranno ben asciutti, girandoli a metà cottura.
  12. Sfornare e lasciar raffreddare completamente su una griglia prima di riporre in una scatola di latta.
Recipe Notes

Ricetta adattata da qui

almond ginger biscotti 13Un abbraccio a tutti, alla prossima…

Salva

Salva

image_pdf

35 commenti

  1. Ci vuole ben poco per sbagliare quando si scrive, quando si è di fretta o hai tante cose per la mente e penso che anche qui qualcosa c’è stato. Mi piacciono i cantucci e ogni tanto li preparo ma con l’aggiunta dello zenzero saranno squisiti.

  2. Certo che a vederli così riesce difficile pensare che sotto ci sia stato un lavoro di riaggiustamento: sono assolutamente meravigliosi, bellissimi ed evidentemente alla fine hai azzeccato alla perfezione il rapporto tra le dosi. E poi le foto… ma quanto sono belle? Decisamente ci devo provare, ovviamente con le tue proporzioni 🙂
    Un caro saluto!

  3. io odio fare le conversioni da cup , mi ci perdo … ma amo questi biscotti per cui grazie di aver fatto il lavoro e di aver anche trovato l’errore!
    baci
    Alice

  4. La prova la facciamo un’altra volta,credo proprio che sarebbe difficile da gestire,altro che filoni da affettare…da spatasciare in teglia a mo’ di panettone magari!Invece il tuo zampino ha rimediato alla cara e bravissima Marta,stavolta un tantino distratta!Ne sgranocchietei subito un paio,beati i colleghi…Bacio pulcino mio,foto e ricetta da delirio!:-)

  5. carissima Federica, a volte anche i grandi cuochi sbagliano ed è bello vedere che l’allieva supera la maestra,cantucci promossi a pieni voti e allieva super come sempre !Un abbraccio

  6. Fede, lo sai che le tue foto sono sempre più belle? Te lo volevo dire prima di tutto, perchè vedendo Ifood e il tuo blog lo penso… 🙂
    I cantucci per me sono il dessert di tante sere invernali, pucciati nel liquorino… farli a mano sarà una sfida e so quale ricette seguire… pazienza se Martha si offende, poteva stare più attenta! 😛

  7. Tesoro mio l’aspetto non lascia dubbi sono perfetti questi cantucci ma diciamolo, anche perchè ci hai messo lo zampino tu…poi ci lamentiamo che nascono dei disastri..ma quanto saranno grandi le uova americane:-)???Forse le loro extra large sono le nostre medie:-)?!!!Comunque sono uno spettacolo tesorooooooooooo!!TVBBBBBB,Imma

  8. Io credo che la Martha l’abbia fatto apposta per far sì che tu ci possa mettere il tuo zampino 🙂 Sono spettacolari, da vedere, da ammirare e sicuramente anche da mangiare 🙂
    Baciotti :*

  9. E’ bello sapere che anche i grandi sbagliano … capita, a volte per distrazione, a volte per fretta … comunque tu sei stata bravissima ad aggiustare il tiro, sembrano perfetti. Mi immagino tutto il profumo. Tanti baci tesoro

  10. Tesorino <3 mi sei mancata tanto! Come stai? E Casper? 🙂 Questi biscotti devono essere buonissimi, con qualche ritocco alla ricetta ti sono venuti perfetti e le foto sono veramente stupende <3 Non parliamo di ricette sballate che ultimamente me ne sono capitate parecchie sotto gli occhi e proprio dai libri! Lasciamo stà 😀 Un abbraccio enorme, stretto stretto :**

  11. Non sono molto amante dello zenzero, ma l’idea di fare i cantuccini della nostra tradizione rivisitati in una nuova veste mi attira parecchio.
    Aggiusta qua aggiusta là hai tirato fuori un vero capolavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.