Berry muffins alla quinoa. Something Red: Quando pigrizia chiama…

Difficilmente rinuncio al mio antistress quotidiano, ma a volte capita che la stanchezza e/o l’apatia prendano il sopravvento e la voglia di palestra vada a farsi benedire! 
Martedì è stata appunto una di quelle giornate. 
Mi serviva però una “scusa” per mettere a tacere la coscienza, una “scusa” che giustificasse quell’attacco di pigrizia improvvisa e così ho deciso che avevo assolutamente bisogno di seitan! Poco importava che già ci fosse una confezione nel mio frigo. Era di farro e io lo volevo di kamut…tant’è! 
Quindi URGEVA una visita al NaturaSì, ottimo motivo per saltare l’allenamento. E in fin dei conti, se evitavo di prendere l’auto, avrei anche fatto una più che decorosa passeggiata per cui…aggiudicato! 
Beh, alla fine il seitan non l’ho comprato ma ho avuto l’impensata fortuna di imbattermi nel latticello (*), uno di quegli ingredienti sempre cercati e mai trovati, e potevo lasciarmi scappare l’occasione? Figurarsi! 
Sul momento non avevo la più pallida idea di come l’avrei utilizzato ma dovevo assolutamente prenderlo. 
Il bello di avere il NaturaSì ad un paio di chilometri di distanza e di andarci a piedi, non è solo la passeggiata ma anche il dar modo ai criceti nella testa di lavorare sulla via del ritorno. E passo dopo passo, con quella confezione di latticello nella borsa, rimuginavo su cosa farci…subito! 
Perchè la curiosità era talmente tanta che non sarei riuscita ad aspettare fino al week end per metterlo alla prova. Ma di spulciare in rete a quell’ora a caccia di ricette non ne avevo assolutamente voglia, si sarebbe fatto anche troppo tardi. L’improvvisazione mi sarebbe venuta in aiuto e in più c’erano quei due ingredienti che tanto avrebbero voluto familiarizzare con lo sconosciuto latticello…sì, sarei andata a occhio! 
Col senno di poi devo dire che è stato un incontro fortunato…molto fortunato. E indovinate un po’? Anche SENZA UOVA! Ebbene sì, le uova le avevo ma non mi piaceva usarle fredde di frigo così ho deciso che ne avrei fatto a meno. E non me ne sono affatto pentita, anzi!  
La sofficità di questi muffins mi ha lasciata sbalordita, mai vista prima. Il latticello credo che non uscirà più dal mio frigo e se proprio dovesse diventare introvabile, ora so anche come farmelo da me! 
Ed è anche facile, tutto qua!

 

BERRY MUFFINS ALLA QUINOA
Tempo di preparazione       60 minuti
Tempo di cottura              25 minuti
Tempo passivo                 –
Porzioni                           4-6 persone

Ingredienti per 8-9 muffins
120 gr di farina 00
• 100 gr di quinoa
• 40 gr di farina di nocciole
• 225 gr di latticello
• 110 gr di zucchero
• 40 gr di olio di semi di girasole (o di mais)
• 50 gr di mirtilli freschi
• 50 gr di lamponi freschi
• ⅓ di fava tonka grattata (oppure ½ baccello di vaniglia)
• 10 gr di lievito per dolci
• sale

Procedimento
1. Passare la quinoa al mixer fino a ridurla in farina. Mettere la farina ottenuta in una larga padella e lasciarla tostare a fuoco basso, mescolando spesso con un cucchiaio di legno, fino a che diventerà di un bel colore ambrato, toglierla dal fuoco e lasciarla raffreddare.
2. Quando la farina di quinoa sarà fredda, setacciarla in una larga ciotola con la farina 00 e il lievito, aggiungere la farina di nocciole, lo zucchero, un pizzico di sale, la fava tonka (o i semi di vaniglia) e mescolare bene il tutto.
3. In una seconda ciotola mescolare bene il latticello con l’olio, versare il composto liquido nella ciotola con il mix di farina ed amalgamare velocemente il composto senza lavorarlo troppo.
4. Incorporare infine all’impasto i frutti di bosco, mescolando delicatamente.
5. Suddividere il composto nei pirottini da muffins, riempiendoli per circa ⅔ della capacità, e cuocere in forno caldo a 200°C per i primi 10 minuti, poi abbassare la temperatura a 180°C e proseguire la cottura per altri 10-15 minuti, fino a che i muffins saranno di un bel colore dorato.
6. Sfornare e lasciar raffreddare su una griglia.

Note
Il termine “latticello” (in inglese buttermilk) fa riferimento ad una serie di bevande dal sapore acidulo, molto popolari nell’Europa Settentrionale e in alcuni paesi asiatici.
Originariamente il latticello era il liquido residuo dal processo di zangolatura, durante la produzione del burro dalla panna, che lasciato riposare, inacidiva a seguito della fermentazione del lattosio operata dai batteri lattici. Questo è quello che viene definito “latticello tradizionale” (perchè fermentato naturalmente).
Il latticello presente in commercio viene invece ottenuto per lo più inoculando il latte con colture di batteri lattici per simulare ciò che si verifica naturalmente nel processo tradizionale.
Il “cultured buttermilk” può essere ottentuo in due modi: aggiungendo al latte ceppi di Streptococcus lactis, oppure un differente ceppo batterico, il Lactobacillus bulgaricus, che porta d un prodotto con acidità superiore.
Sia nel latticello tradizionale che in quello fermentato, l’acidità è dovuta alla presenza di acido lattico, sottoprodotto della fermentazione del lattosio ad opera dei batteri lattici. Con l’aumento dell’acidità e la conseguente diminuzione del pH del latte, la caseina precipita, provocando la coagulazione del latte, processo che rende il latticello più denso del latte naturale. Sia il latticello tradizionale che quello fermentato contengono acido lattico, ma il primo tende ad essere meno viscoso rispetto al secondo.

Sperando nella buona sorte dei lamponi, rossi e succosi, che hanno dato uno sprint in più di colore a questi muffins, mi butto sul “red” e partecipo al contest di Barbara “Get an aid in the kitchen

Buoni muffins a tutti. Alla prossima…

image_pdf

133 commenti

  1. Debora risponde… mi sa che è una sensazione in comune quella della pigrizia in questo momento.. solo che io mi sarei messa a leggere un libro, tu invece ad inventare una ricetta alla Federica 🙂
    Un bacione pulcino, buona giornata

  2. Oddio che meraviglia che hai creato!!!
    Quinoa, latticello, farina di nocciole…. ma che cosa fantastica è???????
    Bravissima!!!!
    E anche le foto, sono bellissime!

  3. Allora con quella passeggiata hai espiato le tue colpe??Ora vai a farne un'altra,perchè hai un'altra colpa da smaltire:mi hai lasciato a bocca asciutta un'altra volta!!Voglio il latticello,voglio i muffins e voglio fare una passeggiata con te!!Come la mettiamo bella bimba!!Però io in palestra non ci vengo,neanche sotto tortura infilerei la tuta….orridoooo :-o!!
    Baci tesoruccio,e buon muffins soprattutto a te!!

  4. Che fare quando ti mancano 6 ingr. su 11????? uffaaaaaa son tutte cosette che non trovo facilmente.. Mi fido di te.. devono essere ottimi e morbidi.. e mi sa tanto che na scappatina al naturasì dovrei farla pure io!!! smackkk

  5. Tesoro il latticello da una decisa marci in piu ai muffin cupcake ecc. e vedi tu che ti sei inventata…una goduria assoluta e poi farina di nocciole quinoa latticello frutti di bosco…..nn manca niente per nn essere un bocconcino con i fiocchi e tu con il rosso ci sai fare:D!!!!!!Un mega bacione e tvb,Imma

  6. Non ci posso credere! Hai trovato il latticello?!?! Non dirmi che era nascosto al Naturasì perchè mi prende un colpo!!!!
    Super queste tortine senza uova!!! Splendida la foto con i lamponi rossi che spuntano dal fondo grigio! Bacioniiiii

  7. Mannaggiaaaaaa…sono appena tornata dal supermercato..l'ho visto, ho preso pure in mano la confezione e poi l'ho riposto..il latticello!!! scadeva tra pochi giorni e non sapevo cosa farci in cosi' breve tempo..ufffff…se solo avessi visto prima il tuo post avrei saputo eccome come utilizzarlo..e pensare che avevo pure la quinoa in casa…vabbè, magari me lo preparo in casa ;))
    Una vera meraviglia i tuoi muffins e poi senza uova!
    un bacione ^_^

  8. Quando la pigrizia chiama, tu rispondi sempre egregiamente!
    Che poi son sicurissima che il prodotto finito delle tue avventure e/o certezze in cucina!
    Ma mi piace leggere come ci conduci alla tua ricetta: a camminare a fianco a te, km su km, ricetta su ricetta 😉
    un bacione grande grande briciola!
    TXMXS 🙂

  9. Che favola questi muffin!!!Un insieme di ingredienti che danno vita a questi dolcini deliziosi! Bravissima!!! E ora con la pulce del latticello che rende tutto soffice, si preavvisa un interessante we ;)))! Un bacione

  10. cara fede come ti capisco! quando la pigrizia si fa sentire è una tragedia…soprattutto per una come me pigra di natura 🙂 e questi muffin "diversi" dal solito devono essere buoni…da qualche parte avevo letto che il latticello lo si può ottenere miscelando latte scremato e succo di limone oppure miscelando in parti uguali fra loro latte scremato e yogurt magro non compatto

  11. finalmente si scopre cos'è sto benedetto latticello!! ottimo impiego.. piace molto!!!
    devo sempre farci un salto pure io da Naturasì.. ma è deleterio x le mie tasche!!
    paola

  12. che meravigliosi muffins mia cara…la quinoa non l'ho davvero mai provata, urge rimediare…se il riultato è poi così goloso…ben venga!
    Un bacione

  13. Mamma mia che bontà, hai rinunciato anche tu alle uova nell'impasto…io pensavo se ne sentisse di più la mancanza, invece…Sai che anche a me capita che se trovo un ingrediente che è difficile reperire lo prendo d'impulso e poi arovello il cervello per utilizzarlo al meglio…Mah!Baciii!

  14. anche io sono una che cerca di tenersi in forma, soprattutto dopo una gravidanza, ma è proprio vero che a volte faresti di tutto purchè palestra… dopo però a me vengono i sensi di colpa e nessuna scusa mi consola, però forse questi dolcetti ci riescono… squisiti

  15. TESORAAAAAAAAA…

    Evvedi…evvedi che lo dico sempre io che i cricieti bisogna lasciarli a piedi?

    Lavorano di più!

    Il percosro è più lungo e scaturisce il meglio…in bici, non avrebbero nemmeno tempo di salire sulle…"ruotineeeeeeee"! ;o)

    ah…ah…ah…

    Che deli"S"ia, sei fortunata perchè ho l'avvoacato che si è ingessato un piede…nell'ennesimo tentativo di raggiungere la grondaia per recapitarti una rosa sul davanzel…stò scemo!!!

    Prima o poi…lo licen"S"io! ;o)

    SMUAKKKKKKKKKKKKKKISSSSSSSIMI! ;o) NI

  16. pensavo fosse più difficile! proverò a farlo anche perchè non saprei proprio dove andarlo a prendere! muffin deliziosi ai frutti di bosco che adoro!
    p.s. ieri non sono riuscita a commentare il tuo cake all'anice! ricordo anch'io le caramelle che prendeva sempre il nonno! che buone!

  17. Io lo trovo regolarmente al supermercato (Leclerc), sulla confezione c'è scritto buttermilch e non latticello, forse per quello molti non sanno riconoscerlo. Proprio la settimana scorsa ho fatto dei fagottini lievitati usandolo. E poi sto passando un periodo di muffin mania, ne ho provati così tanti ultimamente, dolci e salati, ma neanche uno con la quinoa. Deliziosi

  18. che coincidenza!!! anche io martedì sono stata colpita non solo dalla pigrizia, ma anche da un mal di testa colossale che mi ha ridotta a non far niente o almeno a provarci 😉
    graziosissimi questi Berry muffins

    ^____________^

  19. La pigrizia chiama… e tu gli hai risposto con questi muffin che devono essere buonissimi con quei mirtilli e lamponi. Devo provare il latticello.

  20. Ciao! noi abbiamo scelto una palestra nel tragitto dal lavoro verso casa..quindi diventa una tappa obbligata! e poi, dopo tante ore alla scrivania, la voglia di muoversi c'è eccome!!
    Particolarissimi questi muffin, la quinoa davvero ci incuriosisce nel tuo impasto!
    un bacione
    manuela e silvia
    Spizzichi & Bocconi

  21. Senti diavolaccia, ma sto latticello dove lo compri? E'una vita che voglio provarlo….e poi non mi parlare di pigrizia, mi sto trasformando nel bradipo dell'Era glaciale, hai presente? Ci dobbiamo sentire, e vedere presto. Sti muffin mi fanno girare la testa. Un bacione pulce! Pat

  22. Questo latticello in cucina mi incuriosisce sempre più. Anche se ammetto che non ho neanche mai provato a cercarlo. Utile il post per farselo in casa, è davvero facile.
    Complimenti per la ricetta!

  23. Sono favolosi, vorrei provare subito la ricetta, appena riesco a reperire il latticello, cosa non facile dalle mie parti.
    Brava Federica. Un abbraccio Daniela.

  24. Ma allora è veramnte sensazionale il famoso latticello!Devo andare sabato al Naturasì ma ci farò caso,non l'ho mai visto è nel banco frigo Fede?Cioè mi spiego meglio c'è scritto latticello o buttermilk?

  25. Il Naturasì più vicino a casa mia è letteralmente a casa del diavolo!

    Però ogni tanto (due volte all'anno) ci vado e faccio incetta di strane farine, la prossima volta prenderò anche il famigerato e introvabile latticello eheheheheheh!

    Bellissima la foto in b/n, con dettaglio di lamponi rossi 😉

  26. Lo sai che mi hai proprio incuriosita? Il latticello che tante volte ho sentito ma mai provato ora devo comprarlo assolutamente anche perchè mi hai detto che lo vendono da Natura Sì!!! E allora domani corro a comprarlo anche io!!! Bellissimi questi muffins e dalle foto si vede tutta la loro sofficità!!! Un bacione e buona serata…

  27. La pigrizia di non andare in palestra mi chiama fin troppo spesso, talmente tanto che quest'anno non mi sono ancora iscritta … Questi muffin sono strepitosi e le foto sopratutto quella in bn veramente bellissima ! Mi fai un corso, io sono una vera capra!
    Un bacio
    Alice

    p.s. Si la mia mamma è abruzzese, e anche se ormai ho imparato da anni a fare le ferratelle non ci crederai ma come le fa lei a me non vengono! E poi credo che semplicemente mi piaccia ancora tanto stare insieme in cucina con quel profumo di anice torno bambina (il mio ferro però è diverso dal tuo l'ho comprato al paese di mia madre, anzi me lo ha regalato lei! ho postato la foto insieme alla ricetta se vuoi curiosare)
    Ciao dolcissima 🙂

  28. Hai ragione cara Federica, due km sono ideali per l'attività fisica e mentale. Anch'io mentre torno a casa, il più delle volte stanca e annoiata, penso a mille ricette da fare.
    I tuoi criceti hanno lavorato benissimo, e anche le tue manine, i muffins sono deliziosi.
    Anch'io, ultimamente ne sto sfornando tantissimi.
    Mi piacciono tutti gli ingredienti, la quinoa conferisce un tocco molto particolare.

    Baci

    Giovanna

  29. qui il latticello non lo troverò mai, ma su un libro avevo trovato una ricetta per farlo se non ricordo male,poi comunque farò un confronto con il consiglio che hai dato tu! buonissimi questi muffins, così soffici! un bacione e buona serata cara :*

  30. <Ho sentito gia' parlare di questo latticello e di come si puo' fare in casa e prima o poi lo devo proprio fare e usare mi incuriosisce troppo e vedo che vi da degli ottimi risultati ne sono la prova questi adorabili muffins !!!!E come fai correre quei simpatici criceti sono sempre all'opera nella tua testolina ;):) Bacioni!!!

  31. Purtroppo è dura vincere la pigrizia….spessissimo la sera mi faccio "violenza" per spingermi fino alla piscina…ma poi sono felice!!!!!i tuoi muffin mi piacciono un sacco…..un bacino la stefy

  32. Finalmente sappiamo dove trovare il latticello… stupendi, senza uova, senza burro, in più c'è la frutta e pure rossa… cosa si può volere di più?!?! 😉 Bacioni

  33. eh si, anch'io spesso uso il latticello…..mi piace molto. Proverò anche senza uova….sono curiosa di sentire cosa ne esce. L'aspetto è favoloso!
    Un bacione e buon w.e

  34. Bella scusa per saltare la palestra… me la posso rivendere (ovviamente non per giustificare la mancata palestra visto che non riuscirei neppure a raggiungere la porta se la metà fosse la palestra).
    Sono venuti davvero deliziosi!!

  35. E sì, di scuse io ne trovo in continuazione, sono troppo pigra per palestre, corse, passeggiate, ciclette etc. etc.
    Come faccio a copiarti se mi metti latticello, vabbe' questo posso sostituirlo, quinoa e frutti di bosco? Non è una scusa, questa, e che qui c'è il deserto!
    Ok, ti abbraccio lo stesso!

  36. Fede, questi sono proprio da svenimento, e altro che something red: a guardare l'ultima foto la bocca s'è spalancata e non l'ho richiusa che dopo dieci secondi buoni di contemplazione, mi sa!
    Proprio oggi l'oculista mi ha ordinato di mangiare molti mirtilli e frutti rossi: nulla capita per caso!!! 😀
    Mi piacciono da morire i colori di questi deliziosissimi muffin, ma mi colpisce anche l'utilizzo della quinoa; io ho a disposizione il miglio, che ovviamente è diverso ma… che dici, la faccio 'sta follia?
    Baci carissima! :*

  37. Grazie a tutti! Mi fa piacere che vi sia piaciuta anche la foto in bianco e nero, forse perchè ho un debole per quei 3 “puntini” rossi 🙂
    Attenzione nella ricerca del latticello: molto speso sulle confezioni è indicato “buttermilk” e questo può ingannare. Un abbraccio e buon we

    @ Damiana…allora per questa passeggiata? Andiamo a comprare di nuovo il latticello e in due vedrai che criceti :))

    @ Claudia…se passi dal NaturaSì gli ingredienti scommetto che li trovi tutti 😉

    @ Titti@CuisineOblige…mi sa che il colpo allora te lo faccio prendere! Chissà quante volte mi sarà passato sotto gli occhi convinta che fosse un barattolo di yogurt!

    @ Emanuela…sì senza uova. Ma così soffici che non ci se ne accorge affatto 🙂

    @ Mary…ahi ahi ahi, MAI abbandonare una confezione di latticello sola soletta sullo scaffale, neanche se con breve scadenza. Ho scoperto che si può congelare 😉

    @ Cavoloverde…morbidissimi da non credere e anche per più giorni!

    @ Valentina…credo proprio di sì, che sia lui il “responsabile” 🙂

    @ saretta m…stregata sono!

    @ Ros…latte e yogurt sì, latte e limone non credo si ottenga latticello vero e proprio. Da quello che ho capito il latticello è un latte fermentato

    @ Lady…pure per le mie, infatti ci vado poche volte. Ed è un salasso!

    @ Kà…i dolci senza uova possono rivelarsi delle vere e proprie sorprese 😉

    @ Nepitella…a me piace tantissimo il seitan, soprattutto quello di kamut. E lo mangio anche semplicemente alla piastra. Quello che proprio non mi piace invece è il tofu, girato e rigirato ma nada!

    @ Dajana…il prossimo esperimento infatti voglio farlo con la focaccia ma credo dovrò diminuire un po’ l’idratazione per rendermi conto di qualche effetto 😉

    @ Tomaso…certo che c’è. Uno te l’ho messo da parte 😉

    @ Patty…bimba l’ho trovato al NaturaSì ma la confezione si confonde con i barattoli di yogurt da 500gr. Chissà da quanto tempo lo avevano e non l’ho mai visto :(!

    @ Alessandra…quasi giurerei ci fosse scritto “Burremilk”. E’ nel banco frigo accanto agli yogurt

    @ Alice…magari fossi così brava da poterti fare un corso! Le ricette preparate dalle mamme hanno sempre quel qualcosa in più. A me non verrà mai la ciambella come quella della mia mamma, altissima che scoppia nello stampo. Eppure è la sua ricetta. L’amore che ci mettono dentro è un ingrediente che rende tutto speciale 🙂

    @ marifra79…mi è piaciuta e anche parecchio 🙂

    @ Raffaella…allora se l’ha ordinato anche il dottore…quale migliore scusa per frutti di bosco a gogò 😉 Io sono sempre per gli esperimenti, considera che anche questo lo è stato, per cui mi lancerei con il miglio. Lo macini sottile, lo setacci per eliminare eventuali residui più grossolani e vaiiiiiiiiiiiiiiii 😉

  38. Vedo che anche tu sei andata per lamponi 😀 Non avrai incontrato il fraticello, tesò? Comunque questi muffin sono un modo proprio delizioso di utilizzare i buonissimi frutti di bosco e la presenza nell'impasto di ingredienti ricercati (quinoa, latticello, fava tonka) li impreziosisce. Grande Fede! Come sempre 😉

  39. Sembra impossibile ma a Milano non riesco a trovare sto benedetto latticello che tanto mi incuriosisce! Grazie infinite della ricetta! Dei tuoi muffin…beh che dire, mi accontenterei di dare una pulitina con la lingua al cartoccino, visto che sono arrivata come sempre in questo periodo, un po' in ritardo!! Un bacione cara e buon week end.

  40. buoni con il latticello!!io in casa con i fermenti lattici faccio uno yogurt liquido che ci assomiglia molto 🙂 i muffin con quello vengono buonissimi!!!Proverò anche con il latticello…ah..la febbre si abbassa 😛 bacio tata!

  41. Buongiorno Federica,
    che dirti le tue ricette e le tue foto sono sempre spot on, come dicono qui in uk, quindi orgogliosamente inserisco la tua ricetta tra quelle del contest e ti ringrazio molto:)

    Un abbraccio grande,
    barbara

  42. mmmh pigrizia dici?! Rispondo anche io Fede! Fortuna che è venerdì! Certo se a te la pigrizia fa 'sti effetti spettacolari qui… a me no! Il latticello l'ho usato solo un paio di volte (dopo aver fatto il mio burro home-made)ed è vero che rende i dolci sofficissimi, ma tu sei un portento… farina di quinoa, senza uova… insomma te lo meriteresti proprio il premio del contest! (in bocca al lupo!!!) ma se lo vinci me o mandi uno di questi muffin, vero? Un bacio enormissimo e buon fine settimana! ^_^ Any

  43. Anch'io ho il NaturaSì a 2 km da casa. ma tendenzialmente ci vado in macchina, riempio la cesta di candele profumate e bagnoschiuma rilassanti, poggio un attimino la sporta in macchina e mi fermo alla gelateria di fronte. Poi torno a casa, faccio un bagno caldo con la candela accesa e inforno l'arrosto di maiale con le patate per il tempo necessario a scolarmi una bottiglia di rosso.

  44. Anche io il latticello non l'ho mai visto…Ho sempre usato latte e yogurt assieme (idea della Nigella ovviamente non mia 😉
    La ricetta dei tuoi muffin mi colpisce, sempre super!!!
    Ma vai sempre in palestra? Che brava!!!

  45. Ma che ricetta originale!.. come fai a tirare fuori dal cappello queste geniali squisitezze? davvero basta "solo" una passeggiata al Naturasì? Forse a me non vengono perchè ce l'ho all'angolo della via dove abito e quindi i criceti non hanno abbastanza tempo per girare 🙂

  46. benvenuta fra i fan del latticello! Lo prendo anche io da NaturaSi e devo ammettere che è ottimo in tantissime ricette! mi segno anche questi splendidi muffins, un bacione cara, passa un felice weekend….

  47. bhé, si sa che i criceti funzionano meglio a piedi…vedi le ruote che si mettono nelle gabbie per farli camminare… 😀
    fantastici muffins e quasi quasi provo a farmelo in casa il latticello, come spiegato nel bel link che hai messo.
    ti mandiamo un bacione forte forte

    Ele e Lolo

  48. la palestra cara Fede, mi ha vista solo due mesi in tutta la mia vita, non i piace l'aria viziata che si respira la dentro, meglio una bella passeggiata e la tua è stata una signora passeggiata O_O
    da me Natursi è troooppo lontano urge per forza un mezzo motorizzato 🙁 ma ho solo paura di una cosa, che se entro in quel negozio, non ne esco più. da un po' ho una gran voglia di provare il seitan ma prima di produrlo in casa (procedimento un po' lunghetto) vorrei assaggiarlo per capire se mi piace.
    I tuoi criceti hanno lavorato alla grande visto il risultato :))
    Buon fine settimana Fefè, un bacione grande.

  49. Gentilissima Federica,
    le scrivo per conto dell'ass.ne culturale ilCoraggioDiCambiare di Sassuolo(Modena). Il suo blog è stato selezionato dalla nostra commissione per l'iniziativa "la notte dei blogger" che si terrà a Sassuolo (Mo) il prossimo 11 novembre all'interno della nostra consueta tre giorni di approfondimento. L'iniziativa che vuole presentare ad addetti ai lavori, blogger e semplici curiosi il mondo della blogsfera si terrà a partire dalle ore 21. I blogger invitati saranno divisi in 4 categorie ed ognuno sarà intervistato sulla sua attività di blogger da un giornalista.
    Se è così gentile da fornirci un numero di telefono la contatteremo per spiegarle meglio la cosa.
    In attesa di un suo riscontro, con l'augurio che la sua risposta sia affermativa, la saluto cordialmente
    Giorgia

    http://www.unbelsouvenir.com
    http://www.ilcoraggiodicambiare.it

  50. Ma che brava.. anche io questi giorni avevo voglia di seitan.. ogni tanto decido che la carne fa male/ gli allevatori sono spietati ecc ecc allora anche per me è il momento del viaggetto al natura sì:) tu però sei stata molto fantasiosa complimenti!
    baci:**

  51. In bocca al lupo per il contest carissima: è una ricetta interessante sotto molti punti di vista, non ultimo quello goloso 😀
    Anch'io ho difficoltà a trovare il latticello, ma grazie alle tue dritte ho un'alternativa 😀

  52. il latticello non ho mai avuto l'onore di incontrarlo ma tante volte ho letto come preparalo in casa quindi segno visto che con i tuoi muffin mi hai convinto a provarlo…per una volta la pigrizia ha una valida giustificazione Buona domenica…baci!!!

  53. ciao Fede, anch'io tempo fa avevo notato quel post sul latticello… di farmelo (a parte i procedimenti "semplificati") non se ne parla e non l'ho mai trovato in commercio, pertanto per il momento mi consolo sapendo che tu sei riuscita nell'intento e "dal nulla" hai creato qualcosa di ultra-goloso. Mi segno i tuoi dolcetti, non sia mai detto che prima o poi incappi finalmente in sto benedetto latticello ;))
    Un bacione

  54. Ma sai che vado a naturasì e non l'ho mai notato ? guarderò meglio perchè è proprio interessante !!! bellissimi i tuoi muffin e sarannoa nche buonissimi !! ciao carissima !!

  55. Grazie a tutti di cuore. Un abbraccio e buona settimana

    @ Benedetta…bene bene, sono felice che stai meglio 🙂

    @ Barbara…grazie a te e…in bocca al lupo a me :))

    @ Monica…per la fava tonka evo ringraziare Ele e il suo contest, altrimenti sarei ancora qui a sognarla

    @ Anastasia…facciamo che ti mando un vassoio di muffins indipendentemente dal contest, altrimenti mi sa che resti a bocca asciutta!

    @ Orodoreinthe…arrivo!

    @ monica…perhaps!!!

    @ Chiara…folgorata al primo utilizzo! E chi lo abbandona più adesso?

    @ Cri…a me il seitan piace tantissimo a differenza del fotu. Ho pensato varie volte a farmelo da me, al NaturaSì hanno anche il preparato apposta ma non ho ancora avuto il coraggio fin ora. Chissà…! Secondo me ti piacerebbe, se sono sicura.

    @ Andromenda…sono molto lusingata dalla scelta ma purtroppo mi trovo a dover declinare l’invito. Quel fine settimana di novembre ho impegni in famiglia che non possono essere rimandati. Grazie comunque

    @ Federica…grazie dell'invito tesoro. Non prometto ma ci faccio un pensierino 😉

  56. Ciao Fede! Onore ai criceti, che hanno lavorato egregiamente 🙂 il latticello non lo conosco proprio perché mai trovato, e grazie del link, Cle è una garanzia, ci proverò
    E sai che l'uso della farina di quinoa ha meravigliato anche me? Anch'io l'ho fatta col mixer, e per questi ottimi muffins la rifaccio al più presto
    Bacione, buona settimana!

  57. Ciao gioia mi sa che sono arrivata tardi per assaggiare queste meravigliose delizie..ma copio anche se il latticello non l'ho ancora trovato o per meglio dire non riesco a tradurlo nell'etichetta 🙂 Un bacione grande buon inizio settimana!

  58. Grazie a tutti, un abbraccio

    @ Cinzia…dopo questo esperimento credo che il mio pacchetto di quinoa si ridurrà tutto in farina 🙂 Mi è piacuta un sacco

    @ Graal77…felice di esserti stata utile 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.