Marzapane romagnolo di L. Montersino. Un siciliano in Romagna!

Chi sarà mai costui? E se vi dicessi…marzapane? 
Quando si parla di marzapane credo venga istintivo pensare alla Sicilia e alla frutta di Martorana,  ma forse non tutti sanno (e anch’io l’ho scoperto da poco) che il marzapane è prodotto tipico anche di Liguria (soprattutto nella provincia di Genova), Toscana e Puglia. 
E allora la Romagna cosa c’entra? Un attimino…e ve lo spiego.
Girellavo per blog a caccia di ricette con le mandorle per usare un po’ della quintalata di farina che mi ritrovo in dispensa (meglio fare scorte, dovesse arrivare una carestia!!!) quando dalla sister ho trovato questa meraviglia su cui non poteva non restarmi l’occhio…e anche il cuore! 
E ti scopro che si chiama…marzapane! 
Caso vuole che in quegli stessi giorni mi arrivi a casa, fra i vari libri ordinati, anche “Croissant & Biscotti” di L. Montersino e indovonate un po’ cosa ci trovo? 
ESATTO! Il marzapane romagnolo (sister pare si chiami proprio così questo dolce) del tutto simile a quello che avevo adocchiato e salvato. 
Le differenze fondamentali: una frolla più dolce e burrosa, arricchita dalle uvette, ed il cacao a sostituire il pangrattato del ripieno, cosa che mi ispirava e anche parecchio. 
E nell’indecisione tra l’una e l’altra ricetta, che potevo fare se non tirarne fuori una personale rivisitazione? 
Ormai si sa, lo zampino è d’obbligo e dal momento che “in medio stat virtus” ho fatto una specie di collage, optando per una frolla più leggera come quella della sister, ma arricchita dalle uvette e con una parte di farina di riso per un risultato più friabile, e per un ripieno al cacao come quello di Montersino, in cui ho drasticamente ridotto la dose dello zucchero (e qui mi son data la zappa sui piedi: dolce ma NON stucchevole, una fetta chiama l’altra e…addiooooo!) e dimezzato anche quella di mandorle amare (40gr di amare su 200gr di mandorle dolci mi sembravano davvero troppe, il 10% secondo me è stata la scelta ottimale in linea con quella di Ele). 
Il risultato? Una bontà sorprendente che migliora nel tempo. 
Perchè se da subito è buonissimo, il giorno dopo lo è di più e il secondo ancora meglio. Oltre il terzo giorno…non so! 
Il difficile a questo punto sarà resistere al taglio immediato!
Ed ora, come on with me! Mani in pasta…

MARZAPANE ROMAGNOLO DI L. MONTERSINO
Tempo di preparazione       50 minuti
Tempo di cottura              20 minuti
Tempo passivo                 1 ora
Porzioni                           10-12 persone 

Ingredienti per 10-12 persone
per la pasta esterna
250 gr di farina 00 (io ho usato 150 gr di farina 00 + 100 gr di farina di riso)
• 95 gr di zucchero (ne ho messi 70 gr)
• 105 gr di burro (ho usato 75 gr di burro salato)
• 100 gr di uova intere (1 uovo intero + 1 tuorlo)
• 50 gr di uvetta sultanina
• ½ bustina di lievito
per il ripieno
• 200 gr di mandorle dolci non pelate
• 40 gr di mandorle amare (ne ho messi solo 20gr e mi sembrano perfetti!)
300 gr di zucchero (ne ho messi 175 gr e per i miei gusti è già dolce a sufficienza)
• 62 gr di uova intere (1 uovo grande)
• 10 gr di cacao amaro in polvere
• 40 gr di marsala secco (non lo avevo, l’ho sostituito con Amaretto di Saronno)
per la finitura
• mandorle grezze (non le ho messe)
• mandorle a filetti
• zucchero a velo

Procedimento
1. Preparare la pasta di mandorle: tritare le mandorle (dolci e amare), unire le uova, il cacao ed il liquore e mescolare bene, ottenendo un impasto morbido e appiccicoso.
2. Tenere da parte.
3. Preparare la pasta: lavorare a crema il burro morbido con lo zucchero, aggiungere le uova, quindi incorporare le farine, setacciate con il lievito, e l’uvetta (non occorre farla rinvenire). Formare una palla, avvolgerla nella pellicola e lasciarla riposare in frigo per un’oretta.
4. Stendere la pasta in un rettangolo allo spessore di circa ½ cm, spalmare sopra uno strato di pasta di mandorle, sempre allo spessore di circa ½ cm, e arrotolare dal lato lungo formando un filone (io l’ho tagliato a metà perché non mi entrava sulla placca).
5. Sistemare il filone sulla placca foderata di carta forno, spalmarvi sopra un altro strato di pasta di mandorle, cospargere di mandorle grezze (omesse!), di mandorle a filetti e spolverare di zucchero a velo (questo l’ho dimenticato! E l’ho dimenticato anche prima di servire…sgrunt!).
6. Cuocere in forno caldo a 180°C per circa mezz’ora, rigirando la leccarda dopo 20 minuti, se necessario.
7. Lasciar raffreddare su una gratella e resistere alla tentazione della prova assaggio!!!
8. E’ meglio il giorno dopo.

Note
Ovviamente non ho resistito alla prova e vi assicuro che è ottimo anche sa subito. Ma il giorno dopo è qualcosa di indescrivibile!
Con l’avanzo del ripieno ho fanno dei mini bon bon…NO COMMENT!

Un abbraccio, buon inizio autunno (ahimè!) a tutti.
image_pdf

134 commenti

  1. Ma possono i miei occhi essere così fortunati di essere i primi a vedere codesta meraviglia? Cicia che scoperta, non ho parole, me la segno subito nei primi posti delle ricette che devo assolutamente fare. Cacao e marzapane insieme, non si può chiedere di più! Un bacione dolce pulcino, buon inizio d'autunno anche per te!

  2. Ecchecaspita, ma come si fa a non divorarsi non solo una fetta ma tutto quanto ed ad aspettare il giorno dopo?…no non posso farcela..sono a dieta (bugiaaaaaaa)..okkei dovrei essere a dieta ma quando vedo ste meraviglie tentenno e cado miseramente in tentazione!!!! Mi piacciono tantissimo tutte e due le versioni, devo quindi farle entrambe e decidere poi quale mi piace di piu' ;)))
    un baciotto ^_^

  3. Wow!
    Non sapevo proprio che esistesse…Che bello conoscere un dolce nuovo, per ora però non lo provo, ho finito da poco la scorta di farina di mandorle e per un po' vorrei evitare di rientrare nel tunnel ehehehe!
    Me lo sono salvato 🙂
    Un abbraccio e buona giornata

  4. Mamma mia Fede che mi combini, questa e' una meraviglia ho letto gli ingredienti, tutta quella frutta secca che adoro, mannaggia e' un attentato alla mia linea cosi' faticosamente ottenuta!!!Non si puo' resistere pero' a tanta bonta' e come si puo' aspettare il giorno dopo per tagliarlo impossibile!!!Un abbraccione!!!

  5. Eh no,questo marzapane sà da fare!Le coincidenze erano troppe,non si poteva non provare questa bontà,e mi sembra che il tuo"zampino",abbia dato i suoi frutti!!Nella mia dispensa,non c'è farina di mandorle,ma mandorle intere a vagonate..sai com'è,ogni tanto un assaggino e poi a noi donne non fanno tanto beneeeee??Allora mi cimento e per me,sarà veramente difficile fermarsi e sarà tutta colpa tua bel pulcino!!
    Baci amoruccio bello e fattene una ragione,il "FREDDO" stà arrivando!!(quà oggi sono 29°,un sole splendente e domani me ne vado la mare):P

  6. Buonissimo!!!!! io non l'ho mai assaggiato.. solo sentito di nome.. ed ho una fragranza che odora di marzapane e sa di buono!!!deve essere dolcissimo anche!!! baci e abbraccioniiiiii .-D

  7. Che bel dolcione! Essendomi perso anche il post di Elena non sospettavo neanche lontanamente l'esistenza di un marzapane romagnolo, ma l'idea mi piace parecchio! 😉
    Buona giornata!

  8. Lo sai, sono un'amante del salato, i dolci li mangio e li preparo poco, ma di fronte ad uno come il tuo capitolo.
    Il ripieno è un concentrato di bontà. Mi piace anche la sostituzione con l'amaretto.
    I bon bon hanno catturato la mia attenzione. Ci darai più dettagli?

    Baci

    Giovanna

  9. E come si può resistere ad una bontà simile, eppoi è una delle poche ricette di Montersino con tutti ingredienti reperibili e non è poco… attentratrice di diete 😀 Un bacione spulcinato 😀

  10. Ciao Fede, IO NON AVREI resistito! Proprio come te… (inguaribili golose…).
    Mi hai anche insegnato una cosa nuova per me, la pasta di mandorle è anche ligure… da ligure non lo sapevo! Non si finisce mai…
    Un abbraccio e grazie per la ricetta che dev'essere un puro godimento

  11. Croissant e biscotti è l'ultimo nato???? perchè se sì l'ho comprato ma non l'ho ancora sfogliato bene…tant'è che questo me lo sono perso…però la tua versione è intrigante…molto!!

  12. E che meraviglia tesoro nn conoscevo questo dolce ma lo trovo di un golosoooooooooooo…che deliziosa visione cucciola adesso però devo provarlo mi attira troppo dice proprio mangiamiiiiiiiiiiiiii!!!bacioni e TVBBBBBBBBB,Imma

  13. Fede mi chiedo come mai il motore di ricerca non t'abbia indirizzato a me quando cercavi la ricetta 🙂 sisi lo so sta qua l'ho detta grossa stavolta, ma a sparare alto non uccido nessuno 😉
    baci briciola

  14. Fede così esageri ma che ci vuoi "tutte ciccia e brufoli" ?
    Battute a parte questo dolce, di cui non conoscevo l'esistenza, è semplicemente divino! Ma visto che sono a dieta e ho il controllo martesì prossimo mi accontenterò di assaggiare uno dei bob bob fatti con l'avanzo del ripieno!
    Mitica come sempre!!!
    Un bacio e un abbraccio
    Alice

  15. Caspita che inizio d'autunno all'insegna delle mandorle che adoro.
    Inizierei dal bon bon per poi passare ad una fetta del marzapane romagnolo che non conoscevo.

  16. Ti chiedi come diventa questo dolce al terzo giorno? ma secondo me fa fatica ad arrivare al secondo!
    Mia figlia riesce a fare i dolci di Montersino, io mi spavento solo guardando la lista degli ingredienti!
    Quindi delegherò a lei questa meraviglia! :DDDDD

  17. Non lo conoscevamo questo dolce!Grazie della dritta!E poi è sempre un piacere leggere i tuoi fantastici post!Sono rimasta colpita dal tuo dolce ma perdonami sopratutto che c'è un nuovo libro di Montersino?Fantastico!Lo voglio!Sai che l'ho conosciuto di persona?è più magro dal vivo!Lolly

  18. Vergogna! E' così che si tentano le persone che hanno deciso di non cedere più ai richiami golosi?
    Non si può… non si può…….se pò!
    La tua mano apporta sempre un tocco in più!

  19. veramente bellissimo Fede, anche nei colori. Una delizia per occhi e palato. Non l'ho mai assaggiato, ma mi ispira moltissimo……Una vera scoperta! Un bacione e buon w.e
    Smack :-*

  20. Non ne avevo mai sentito parlare ma a leggere la ricetta e guardare le foto mi è venuta un'acquolina.. Strano che in una ricetta di Montersino non ci fosse qualche strano ingrediente introvabile/inavvicinabile per noi umani! 😉 Sicura di non averci nascosto nulla???? Scherzo ovviamente! Sono in viaggio di ritorno dal lavoro e a quest'ora mi mangerei tutto intero il tuo marzapane romagnolo!! Troppo invitante!!!

  21. No Federica, e chi ce la fa a resistere alla prova assaggio fino al giorno dopo?! :°D
    Al massimo l'assaggio una, due, tre volte, fin quando non diventa sempre più buono… u_u eh!
    E' un dolce bellissimo, e con questi colori caldi la coccola l'hai regalata a te e anche a noi!

  22. eh no! Non commento lo dico io.. ma si può lasciare una signora di mezz'età come me a sbavare sul pc??? No dico, e gira pure il coltello nella piaga…

    "P.P.S. con l'avanzo del ripieno ho fanno dei mini bon bon…NO COMMENT!!

    braaava, braaava!!! Continua!!!
    Sei sempre troopo avanti. 😉 un bacione pulcino, buon fine settimana :))

  23. Fede da non credere sai cosa ho scoperto per puro caso questa sera? Sono mesi che ci commentiamo a vicenda quasi tutti i giorni i nostri post e nessuna delle due è inserita come follower dell'altra!! Incredibile, ma come faccio mi sono chiesta allora a non perdermi le sue ricette? poi ho capito perchè sei nel mio blog roll! Che buffo noi tutte chiacchieriamo anche senza conoscerci sul serio, impariamo a volerci bene e a conoscerci dai nostri post e come nella vita alcune amiche le senti più vicine delle altre! E' tardi ora vado a dormire ma no prima di averti augurato dolce notte tenera amica !
    Alice

    p.s. Ora sono tra i tuoi follower!

  24. Grazie a tutti :)lo so lo so lo so che è una tortura resistere all’assaggio subito ma davvero questo dolce migliora con il riposo. Vabbè dai, si potrebbe sempre rddoppiare la dose così dura (e migliora) di più 😉
    Buon week end, un bacione

    @ Damiana…anche nella mia, oltre alla farina, ci sono mandorle a chili. Sogno mandorle anche la notte tra un po’ :)) Ma senza le mie 4-5 mandorle al giorno proprio non posso stare. Sono la mia pillola del buon umore 😉

    @ Claudia…con la dose ridotta di zucchero è dolce il giusto secondo me. Con quella prevista realmente dalla ricetta ho paura sia un po’ stucchevole!

    @ Mascia…anche per me tante ricette di Montersino sono inarrivabili. Ma questa è facile, garantito da un’imbranata 😉

    @ Giovanna…per i bon bon è semplicissimo. Ho solo fatto delle piccole palline con il ripieno, le ho sistemate nei pirottini e infornate con il marzapane tirandole via a metà del tempo previsto per il dolce (cioè dopo circa 15 minuti). Tutto quà 🙂

    @ Francesca… credo che l’ultimo nato sia “Peccati di gola!” uscito l’anno scorso. Se poi ti riferisci all’edizione brossura (non a quella rilegata) allora può essere.

    @ Alice…prima il controllo allora. La fettina te la tengo da parte sotto chiave, che tanto migliora stando lì 😉 In bocca al lupo

    @ eli…hai ragione, le sue liste i ingredienti sono chilometriche ma in questo caso almeno sono reperibili. E non è poco!!!!!!!!!!!

    @ Nany e Lolly…davvero l’hai conosciuto? Invidiaaaaaaaaaa :D! In realtà questo libro non è nuovo, è del 2009. Però è l’ultimo che ho comprato, sto andando a passo di gambero :))

    @ giulia…in tutta sincerità non l’ho sfogliato con moltissima attenzione. Mi sono fissata su 4-5 ricette che mi hanno catturata a colpo d’occhio. Mi piace per il fatto che ci sono sia ricette dolci che salate ma ci trovo gli stessi due difetti di tutti gli altri suoi libri: dosi da reggimento (per lo meno per me, visto che siamo in due in casa) e ingredienti spesso introvabili e di cui non dà alternativa. Tipo: inulina! Che ci metto?

    @ Commis…hai visto che miracolo? Ogni tanto una ricetta a portata umana nei suoi libri si trova 😉 Sto meditando su dei biscotti che prevedono inulina…non si può!!!

    @ Raffaella…questa mi sembra un’ottima strategia :))

    @ zucchina…se ti dicessi che sarei anche per un riciclo totale del ripieno in versione bon bon :D?

  25. nono, non darmi l'indirizzo 😛
    quando mi dicono "eh tu sei tremenda.." io me la rido dentro, perché manco hanno capito quanto lo sono 😉

    baci briciola e buon WE :)))))))))))))))))))))))

  26. Accidenti…in un mese di lontananza forzata dal blog mi sono persa un sacco di cose!!!!
    Meno male che sono arrivata in tempo per questa slurpizia!
    Mi tocchera' farla e seguiro' le TUE indicazioni!
    Un abbraccio grande!
    Paola

  27. Solo a vederlo sto per svenire!!! Deve essere buonissimo ed anche io non avrei resistito a non assaggiarlo subito!! Ottima ricetta (ho anche io quel libro!) e ottime le tue variazioni…brava come sempre!!!!!!!!! Bacio e buon fine settimana…

  28. Tesoro scusami come al solito son di super corsa, ma a casina tua volevo proprio passare a lasciarti un bacino un sorriso e un abbraccio di buon fine settimana! Come al solito sei un incanto: ogni tua ricetta è un attento e minuzioso studio per trovare l'alchimia perfetta… sei magica! TVB baciotto!

  29. Aiutooooo, ci risiamo 🙂 nel senso che mi rimetto a gironzolare dopo tempo tra i miei blog amici ed ecco che mi ritrovo davanti ad un marzapane del genere… ma ti sembra giusto?! Specie dopo aver tentato invano di infilare i jeans dello scorso anno proprio questa mattina 🙁 ma questi son dettagli che e' meglio tralasciare davanti ad una bonta' simile…
    Un abbraccio e a prestissimo, K

  30. Sisteeeeeeeeerrrrrrrrr ma e' FA-VO-LO-SOOOOOOO!!! solo a vederlo mi hai fatto venire una gran voglia di provare questa variante cacaosa :)) troppo golosa.
    Anche la versione "bianca" e' molto meglio i giorni dopo…irresistibile 🙂

    PS: foto super, quel tavolo e' da sballo!

  31. Oddio, qcos'è questa cosa, una specie di delitto premeditato ai danni del mio girovita… non ché del mio programma culinario del weekend, mi sa che sono costretta a stravolgere il dolce, ho pure tutto in casa, mannaggia…

  32. Con tutte le variazioni che hai fatto praticamente hai creato un nuovo dolce: il marzapane della Fede! 😀 Che sarà anche più buono il giorno dopo, non lo metto in dubbio, ma io se lo faccio me lo pappo il giorno stesso e nemmeno questo è da mettere in dubbio! Baci baci, tesoro bello 😉

  33. Come al solito cara Fede, ci stupisci e ci entusiasmi. Non oso nemmeno immaginare la bontà di quei bon bon e concordo con Giovanna: dacci maggiori ragguagli!!
    Questo dolce farebbe la felicità del mio fratellone, grandissimo amante del marzapane..mi hai dato proprio una bella idea!
    Mille baci e buon week end!

  34. Ho il chiaro sospetto che tu stia deliberatamente tramando per farmi diventare matta conoscendo la mia non celata dipendenza dal fattore mandorla e che non esiterò a riprodurre questo dolce che consumero' in solitaria agonia consapevole del triste destino a cui vado incontro: una coulotte de cheval formato famiglia! Tu sei un pulcino crudele! Ti abbraccio genio del male. Pat

  35. Che favola Fede!!!E come mi piace quando metti il tuo zampino e rivoluzioni ricette "classiche"! Io non conoscevo questo dolce, ma ora che l'ho scoperto grazie a te dovrò fare in modo di assaggiarlo! Tu sei stata bravissima!!! Un bacione

  36. Oddio guarda cosa trovo al ritorno dalle vacanze in Sicilia… Visto che ho fatto scorta di mandorle, questo mi sembra il modo migliore di utilizzarle, dev'essere una bontà!!
    Le modifiche che hai fatto sembrano perfette

  37. Fede sei fantastica e vedo che stai diventando tra le food blogger più "in voga" del web… Complimenti tesoro, credo che il tuo sia un merito acquisito con l'impegno, la bravura e la simpatia… Ti abbraccio con tanto affetto. Deborah

  38. GRAZIE a tutti..golosoni 🙂 E fate bene ad esserlo…ci sta 🙂
    Un abbraccio e buona settimana

    @ Commis…l’inulina non era in questa ricetta ma in quelle dei tortini alle pere e cioccolato. Se mai li farò sostituirò davvero con della farina integrale o fiocchi di cereali. Grazie comunque per il link 🙂

    @ elenuccia…quella tavola del nonno la tengo come una reliquia :))

    @ giulia…anche troppo! E la cosa che mi dà più fastidio è il non fornire alternative il che rende la stragrande maggioranza delle ricette infattibile! A meno di un azzardo personale 😉

    @ Luna…per i bon bon tesoro è semplicissimo. Come ho detto anche a Giovanna ho solo fatto delle palline con il ripieno avanzato, le ho messe nei pirottini e infornate per circa 15 minuti. Tutto qua 😉

    @ Patty… :))

    @ laura…e se hai le mandorle siciliane doc il gusti ci guadagnerà non poco, te l’assicuro 😉

    @ Deborah…troppo buona tesoro, E’ un piacere rileggerti :-*

    @ Passiflora…corro a vedere 🙂

  39. In effetti anche quì in Puglia il marzapane "va forte", in particolare a pasqua, le vetrine delle pasticcerie si riempiono di pecorelle di marzapane e frutta ,mmmmhhhhh!!! sai che non cnoscevo questa versione di marzapane romagnolo?? grazie per avermelo presentato 🙂

  40. ciao tesorino..avrei dovuto saperlo dato che sono sempre da quelle parti.. ma proprio non ne avevo idea.. complimenti per la creazione.. davvero molto ma molto golosa.. un bacio

  41. Ciao Federica!
    La torta con lo sciroppo è certamente dolce ma potresti far bollire l'acua con meno zucchero perchè l'umidita che conferisce al dolce secondo me è necessaria. Altrimenti potresti assaggiarne un pezzetto senza e se ti piace non bagnarla.
    Buona settimana, carissima!

  42. FEDE L'HO APPENA COMPRATO ANCH'IO QUEL LIBRO DEL MITICO MONTERSINO! :DDD

    confesso… sto pure facendo la raccolta dei dvd che stanno uscendo ora in edicola… :PPP

    e comunque… siccome me lo sto guasto (il libro) pagina per pagina un goccettino alla volta, a questo marzapane romagnolo ancora non ci sono arrivata… e così m'hai fatto scoprire un'altra prelibatezza della mia terra natia… :*)
    Vabbè ok, per la precisione sarei "solo" emiliana (essendo nata e vissuta a FE) MA tutta la mia bellissima Regione natia è meravigliosaaaaaaa ^___________^

    Un bacione e buona settimana!
    (adoro l'autunno… ma adoro tutte le stagioni e ognuna che se ne va la saluto sempre con grande nostalgia… anche questa Pestifera Estate!!! :DDD )

  43. PS: non so perchè ma, pubblicato il mio commento, mi sono accorta che s'è mangiato parecchie letterine (sono rimaste incastrate nel tuo stampino?? :DDD ) ovviamente là in alto, volevo scrivere "me lo sto gustando" non "me lo sto guasto" :DDD

  44. @ Rosita…thanks very much

    @ MyUSICA…grazie, un bacio

    @ Gata…ne scoprirai delle belle allora in quel libro. A me piace moltissimo anche se, come gli altri libri di Moantersino, pecca un po' per le dosi elefantesche e un sacco di ingredienti introvabili! Ma ci si arrangerà…di sicuro 😉 Concordo sul fatto che la tua regione è bellissima tutta, io l'adoro ^__^ Un baciotto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.